Analisti poco ottimisti su congiuntura

ATS

28.8.2019 - 11:07

L'umore degli analisti rispetto all'andamento dell'economia svizzera nei prossimi sei mesi si è deteriorato in agosto
Source: KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS

L'umore degli analisti finanziari rispetto all'andamento dell'economia svizzera nei prossimi sei mesi si è notevolmente deteriorato in agosto. Ciò è dovuto principalmente alle minori prospettive di crescita dei principali partner commerciali della Confederazione.

Un operatore di borsa su due si aspetta inoltre una riduzione dei tassi d'interesse.

L'indice CS/CFA – calcolato da Credit Suisse e da CFA Society Switzerland e che misura le aspettative degli esperti economici – è sceso in agosto a -37,5 punti, dai -24,0 punti di luglio. L'indice si è quindi riportato sui livelli che si erano registrati all'inizio dell'anno, indica oggi un comunicato di Credit Suisse.

La valutazione rispetto alla dinamica delle esportazioni e del tasso di disoccupazione in Svizzera è rimasta più o meno uguale a quella del mese precedente. Gli analisti sono invece diventati più pessimisti riguardo ai futuri sviluppi economici, in considerazione delle diminuite aspettative di crescita dei principali partner commerciali della Svizzera.

Sul fronte dei mercati azionari internazionali gli specialisti mostrano maggiore prudenza. Per i titoli svizzeri ritengono invece che il corso delle azioni abbiano un potenziale di crescita. L'attuale crisi geopolitica, affermano, favorisce le azioni difensive, ma accresce anche la reputazione del franco come porto sicuro.

Tra gli esperti intervistati sono in netto aumento coloro che prevedono un rafforzamento della valuta elvetica rispetto all'euro e al dollaro. Uno su due si aspetta inoltre una riduzione dei tassi d'interesse in Svizzera, dopo le ultime decisioni espansive della Federal Reserve statunitense e della Banca centrale europea, che potrebbero mettere la Banca nazionale svizzera sotto pressione.

L'indagine è stata condotta dal 12 al 20 agosto. Vi hanno partecipato 25 analisti.

Tornare alla home page

ATS