Polemica a Ginevra

Benzina scontata in Francia? «Così si aiutano i ricchi svizzeri»

hm, ats

9.8.2022 - 17:05

Diminuire i prezzi della benzina in Francia significa aiutare i già ricchi svizzeri, che attraversano il confine per fare il pieno a prezzo scontato? È nata una polemica a cavallo della frontiera ginevrina, in un botta e risposta politico che ha visto intervenire anche il consigliere di Stato Mauro Poggia, da sempre in prima linea sul tema dei frontalieri.

Immagine illustrativa. Anche a Ginevra, così come in Ticino, sono in molti ad approfittare della riduzione delle tasse sui carburanti decise all'estero.
Immagine illustrativa. Anche a Ginevra, così come in Ticino, sono in molti ad approfittare della riduzione delle tasse sui carburanti decise all'estero.
KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

hm, ats

9.8.2022 - 17:05

La controversia – riferisce martedì il portale romando Le Matin – è partita la settimana scorsa con le dichiarazioni di Loïc Hervé, senatore francese dell'Alta Savoia, il dipartimento che confina a sud di Ginevra.

«È assolutamente necessario aiutare i francesi che ne hanno più bisogno», ha affermato l'esponente del centro-destra in un reportage di France 3 sul turismo del pieno.

«Non dobbiamo aiutare i ricchi, i nostri amici svizzeri, i turisti stranieri: dobbiamo sostenere i francesi che lavorano».

La reazione di Poggia non s'è fatta attendere

Domenica è arrivata la reazione di Poggia, l'esponente del Mouvement citoyens genevois (MCG) che ha fatto della preferenza indigena la pietra angolare della sua azione politica fin dalla sua elezione in governo nel 2013, ottenendo anche diversi successi pratici.

A suo avviso il ragionamento di Hervé è di per sé corretto. «Gli aiuti di stato francesi non dovrebbero a priori andare a beneficio di persone che non risiedono sul territorio francese.»

Ma ha subito aggiunto che la questione va allargata, perché i rapporti transfrontalieri non si limitano allo sfruttamento del prezzo della benzina. «Dovrebbe esserci un prezzo per i residenti e un prezzo per i 'frontalieri svizzeri' anche per altri beni di consumo, al fine di ridurre il turismo degli acquisti dalla Svizzera alla Francia e ripristinare così una sana concorrenza tra i due paesi?», si è chiesto su Facebook.

Il 63enne ha anche ricordato al senatore che i lavoratori frontalieri che vivono in Francia beneficiano degli assegni familiari elvetici, «superiori a Ginevra per tenere conto del costo della vita nel cantone, e questo a partire dal primo figlio, anche se, dato il livello del loro stipendio, spesso non ne avrebbero diritto in Francia».

Si chiede se non sarebbe meglio adattare questo sistema di indennità «alla scala del domicilio del lavoratore». «Come si vede, le apparenti buone idee di alcuni possono darne ad altri», ha ironicamente osservato.

Hervé torna alla carica

Da parte sua in una messaggio diffuso lunedì su Twitter e ripreso oggi da Le Matin, Hervé torna alla carica. Dopo aver ringraziato Poggia per «mantenere il dibattito a un livello elevato» il parlamentare ha ammesso che i consumatori svizzeri non sono direttamente responsabili di questa situazione: a suo avviso rimane però una «incongruenza di confine».

Tanto più che in settembre e ottobre lo sconto sul carburante da parte del governo francese dovrebbe passare da 18 a 30 centesimi: senza tener conto del rafforzamento del franco, «la sovvenzione, il regalo pagato dai contribuenti francesi, sarà dell'ordine di 15 euro per ogni pieno in settembre e ottobre», sottolinea Hervé.

«Non posso rimproverare ai nostri vicini svizzeri di approfittare della solidarietà nazionale del paese confinante», prosegue. Il politico si chiede però «quali sarebbero state le reazioni da parte elvetica, in particolare dell'UDC, se la situazione fosse stata esattamente opposta. «Sicuramente molto meno moderate delle mie», dice il 42enne. «Morale», conclude, «nelle settimane a venire, compatisco i benzinai svizzeri!».

hm, ats