Mercati azionari

La Borsa svizzera chiude in rialzo

hm, ats

2.8.2021 - 17:45

Il periodo estivo rende il mercato più volatile.
Il periodo estivo rende il mercato più volatile.
Keystone

La borsa svizzera inaugura il mese di agosto con una seduta in rialzo e ai massimi di sempre: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 12'171 punti, su dello 0,45% rispetto a venerdì, mentre il listino allargato SPI ha guadagnato lo 0,44%, salendo a 15'648 punti.

hm, ats

2.8.2021 - 17:45

I corsi sono stati soprattutto inizialmente favoriti dal buon andamento delle piazze asiatiche e da rallegranti dati congiunturali europei: l'SMI ha così stabilito un nuovo massimo di giornata a 12'194 punti. In seguito è tornato comunque ad affiorare qualche timore, legato allo sviluppo dell'inflazione e al propagarsi della variante delta del coronavirus.

Mentre la stagione dei risultati semestrali è ancora in piena attività il periodo estivo si fa sentire sui volumi di contrattazione, chiaramente in calo. Questo fa sì che i mercati diventino più volatili.

Sul fronte interno, in una giornata ricca di indicatori macroeconomici, si sono messi in luce i bancari UBS (+0,97% a 15,09 franchi) e, soprattutto, Credit Suisse (+2,53% a 9,34 franchi). Con il segno più hanno chiuso pure gli assicurativi Swiss Re (+0,73% a 82,62 franchi), Swiss Life (+0,49% a 470,30 franchi) e Zurich (+0,63% a 368,10 franchi).

Fra i valori più ciclici ha brillato Holcim (+0,60% a 53,42 franchi), che secondo voci non confermate potrebbe cedere le sue attività in Brasile alla locale società Cimentos; meno tonici sono apparsi Sika (+0,25% a 319,90 franchi), Geberit (+0,43% a 747,00 franchi) e ABB (-0,21% a 33,06 franchi). Nel segmento del lusso Richemont (+1,77% a 118,05 franchi) ha presentato carte migliori di Swatch (+1,02% a 305,80 franchi).

Ha trainato il listino Roche (+0,44% a 351,90 franchi), mentre praticamente fermi al palo sono rimasti gli altri due pesi massimi difensivi, Nestlé (+0,05% a 114,86 franchi) e Novartis (-0,13% a 83,77 franchi).

Nel mercato allargato gli occhi erano puntati su Interroll (+1,45% a 4200,00 franchi), che ha pubblicato ottimi dati trimestrali, e Montana Aerospace (+8,99% a 37,60 franchi) che ha beneficiato di un'acquisizione miliardaria nel suo settore d'attività.

hm, ats