La Borsa svizzera chiude in rialzo

es, ats

23.9.2021 - 18:06

Seduta tutta in verde per la Borsa svizzera. (foto simbolica)
Keystone

Seduta tutta positiva per la Borsa svizzera. L'indice principale SMI ha guadagnato lo 0,85% a 11'938.62 punti, quello allargato SPI lo 0,82% a 15'495.27 punti.

es, ats

23.9.2021 - 18:06

La Federal Reserve, segnalando ieri sera l'avvio della riduzione degli acquisti di asset a «breve», probabilmente già a novembre, e un aumento dei tassi di interesse nel 2022, ha rispettato appieno le attese degli investitori. Come previsto anche la Banca nazionale svizzera ha mantenuto invariata oggi la propria politica monetaria espansiva: i tassi restano al -0,75%. Le stime sul Pil 2021 sono state abbassate dal +3,5% circa al un +3% circa.

Confermando i tassi e l'acquisto di titoli, anche la Bank of England ha tagliato le stime di crescita per l'economia della Gran Bretagna, portandole al 2,1% nel terzo trimestre. Sempre oggi la Banca centrale europea ha invece migliorato dal 4,4 al 5% la stima di crescita dell'Eurozona per il 2021.

A sostenere i listini è stato però anche l'allentamento della tensione su Evergrande dopo che il colosso immobiliare ha annunciato che pagherà gli interessi sulle emissioni di un bond domestico. Al contempo Pechino, riluttante a salvare la società, ha chiesto ai funzionari locali in tutto il paese di prepararsi a una «possibile tempesta». E nonostante gli indici pmi dell'Eurozona e le richieste di sussidi di disoccupazione negli Usa si siano rivelati peggiori delle attese.

Tra le blue chip in risalto Richemont (+3,40% a 101.00 franchi) e Logitech (+2,59% a 92.70 franchi), alla sua quarta seduta nell'SMI, così come i bancari Credit Suisse (+1,88% a 79.20 franchi) – i cui fondi, a suo dire, hanno investito poco in Evergrande -, e UBS (+1,31% a 388.20 franchi). Sono saliti di oltre un punto percentuale pure ABB (+1,26% a 32.97 franchi), Givaudan (+1,17% a 4'509.00 franchi), Partners Group (pure +1,17%, a 1'641.50 franchi) e Swiss Life (+1,01% a 471.50 franchi). Ha chiuso in calo unicamente Geberit (-0,30% a 740.60 franchi).

Nel mercato allargato bene Bachem (+2,55% a 805.00 franchi), che ha annunciato un aumento di capitale e vuole creare un nuovo sito di produzione in Svizzera, e Sulzer (+1,94% a 136.80 franchi), che ha fornito ieri dettagli sull'IPO del suo spin-off Medmix. In evidenza anche AMS (+3,63% a 17.72 franchi), U-blox (+2,85% a 64.85 franchi) – con il Ceo che si è detto molto ottimista a lungo termine per l'andamento degli affari -, VAT (+2,67% a 430.80 franchi), Zur Rose (+2,76% a 391.00 franchi) e Tecan (+2,47% a 580.00 franchi). In controtendenza Adecco (-1,07% a 48.23 franchi).

es, ats