La Borsa svizzera chiude in rialzo

es, ats

2.11.2021 - 18:10

Dopo un avvio debole la Borsa svizzera ha chiuso in chiaro rialzo. (immagine simbolica)
Keystone

Dopo un avvio sotto la parità i listini della Borsa svizzera si sono rafforzati sempre più. L'indice principale SMI ha chiuso le contrattazioni in rialzo dello 0,86% a 12'321.00 punti, quello allargato SPI dello 0,68% a 15'851.56 punti.

es, ats

2.11.2021 - 18:10

Tra le blue chip in evidenza Roche (+2,44% a 367.45 franchi) nonché ABB (+1,65% a 30.82 franchi), che ha finalizzato la cessione, per 2,9 miliardi di dollari, del comparto Mechanical Power Transmission, meglio conosciuto con il marchio Dodge.

Lonza, che rafforza le attività di produzione di esosomi, è cresciuta dell'1,62% a 775.60 franchi, mentre Alcon, che porta sul mercato una nuova lente a contatto, ha invece guadagnato lo 0,98% a 77.96 franchi.

Tra gli altri titoli quotato nell'SMI hanno guadagnato oltre un punto percentuale Swiss Re (+1,46% a 90.26 franchi), Givaudan (+1,33% a 4'423.00 franchi) e SGS (+1,20% a 2'780.00 franchi).

Pesante per contro Logitech (-2,33% a 73.64 franchi). In calo pure Richemont (-0,57% a 113.6957 franchi; di oggi la notizia che la controllata Watchfinder apre nuovi punti vendita in Europa) e Novartis (-0,39% a 76.2842 franchi).

Nel mercato allargato, tra le aziende che hanno informato sull'andamento dei loro affari sono risultate sotto pressione AMS (-8,44% a 16.54 franchi), Adecco (-4,01% a 45.03 franchi) e Burckhardt (-1,76% a 391.00 franchi), mentre hanno chiuso positivamente Schaffner (+4,17% a 300.00 franchi), Trifork (+3,59% a 174.00 franchi) e Phoenix Mecano (+1,84% a 443.00 franchi).

Tra gli altri titoli bene Addex (+7,63% a 1.27 franchi; presenterà i trimestrali giovedì), Zur Rose (+3,11% a 332.00 franchi nonostante un avvertimento sugli utili di una concorrente), Schindler (+2,23% a 243.40 franchi il buono di partecipazione e +2,04% a 239.60 franchi l'azione nominativa; il gruppo aderisce a un'iniziativa globale per lo sfruttamento di energie rinnovabili) e SIG Combibloc (+2,09% a 24.38 franchi).

Male invece LEM (-5,67% a a 2'245.00 franchi), Hiag (-2,25% a 95.40 franchi), che ha svelato i dettagli del suo aumento di capitale, Temenos (-2,15% a 134.45 franchi sebbene oggi abbia annunciato di aver conquistato un nuovo cliente in Cambogia), e Skan (-1,72% a 72.52 franchi nonostante abbia reso noto che l'opzione d'acquisto supplementare sia stata interamente sottoscritta).

es, ats