Borsa svizzera: sempre positiva

ATS

29.8.2019 - 15:31

La Borsa svizzera si mantiene sopra la soglia della parità, con l'indice SMI dei principali titoli che a due ore dalla chiusura segna una progressione dello 0,61% a 9'817,64 punti, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,59% a quota 11'953,54.

Lo SMI, dopo lo scivolone della settimana scorsa, si è quindi riportato sopra la soglia dei 9.800 punti. Gli operatori non attribuiscono tuttavia eccessiva importanza al trend al rialzo. «Il movimento altalenante continua», ha commentato un trader.

Sulla piazza zurighese sono in rialzo i bancari, con Credit Suisse che avanza dell'1,20% e UBS dell'1,02%. UBS ha annunciato oggi la nomina di Iqbal Khan, ex manager di Credit Suisse, a co-responsabile del comparto gestione patrimoniale e la notizia è stata accolta favorevolmente dai mercati. Ancora più decisa la progressione di Julius Bär (+2,09%).

Nello stesso comparto finanziario allungano il passo gli assicurativi Zurich Insurance (+0,73%) e Swiss Life (+0,78%), mentre in controtendenza rispetto all'andamento del mercato si presenta Swiss Re (-0,22%).

Tra i pesi massimi difensivi il colosso dell'alimentare Nestlé progredisce dello 0,77%. Positiva anche Novartis (+0,27%), mentre arranca Roche (+0,04%). Nel segmento del lusso Richemont (+1,24%) fa leggermente meglio di Swatch (+1,21%).

Sul mercato allargato Temenos, che ieri ha annunciato l'acquisizione del fornitore americano di servizi bancari digitali Kony, sale dell'1,80%.

Tornare alla home page

ATS