Continua la crescita dei pernottamenti

ATS

5.9.2019 - 11:29

In luglio è continuata la crescita dei pernottamenti a livello nazionale. Leggera flessione in Ticino rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
Source: KEYSTONE/GAETAN BALLY

È stato un mese di luglio positivo per il turismo elvetico, grazie soprattutto al maggior afflusso di turisti indigeni: su un anno, i pernottamenti sono cresciuti del 3,2% a quasi a 4,56 milioni, secondo dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

I tedeschi rimangono in testa ai visitatori, ma crescono anche i turisti statunitensi.

Se si osservano in dettaglio i dati di maggio, 1,95 milioni di pernottamenti (+4,8%) sono da addebitare agli ospiti svizzeri e 2,61 milioni (+1,2%) a quelli stranieri.

In leggera flessione (-1,1%) su un anno i pernottamenti nel Ticino passati da 349'549 a 345'557, mentre risultano in crescita (+3,9%) quelli nei Grigioni, da 594'646 a 618'033.

Nel mese in rassegna, si è registrato un forte incremento (+10% a 350'244 pernottamenti) di turisti Usa. Anche il numero di pernottamenti di turisti provenienti dalla Germania è aumentato significativamente (+4,8% a 413'801 pernottamenti).

In crescita, pure, i viaggiatori provenienti dalla Cina (+4,5% su un anno a 188'263 pernottamenti). In flessione invece il numero di turisti giapponesi, dall'Arabia Saudita o dalla Spagna.

Dall'inizio dell'anno, l'incremento dei pernottamenti in Svizzera è stato meno pronunciato: +1,8% a poco meno di 23,3 milioni di pernottamenti.

Da gennaio a luglio, 12,9 milioni di pernottamenti, pari all'1,9% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sono da attribuire agli ospiti stranieri. Gli Svizzeri hanno generato 10,4 milioni di pernottamenti (+1,8%).

Infine, con gli attuali tassi di crescita, gli hotel svizzeri sono sulla buona strada per stabilire un nuovo record per l'intero 2019, dopo quello conseguito lo scorso anno. Per la prima volta nel 2018 si erano registrati oltre 38 milioni di pernottamenti (38,8 milioni per l'esattezza).

Tornare alla home page

ATS