Banche EFG, aumentano afflussi di denaro

ATS

29.4.2020 - 10:29

A Lugano si seguono da vicino gli sviluppi del gruppo.
A Lugano si seguono da vicino gli sviluppi del gruppo.
Source: KEYSTONE/TI-PRESS/GABRIELE PUTZU

Più soldi in entrata, ma – complice il coronavirus – patrimoni amministrati in calo: si presenta così il primo trimestre per EFG International, gruppo bancario zurighese che quattro anni or sono ha inglobato la luganese BSI.

Il periodo in rassegna è stato caratterizzato da afflussi netti di denaro del 2,5% su base annua, indica la società in un comunicato odierno. A trainare la crescita sono stati soprattutto Regno Unito, Europa continentale, Medio Oriente e America Latina, mentre l'Asia segnala una contrazione.

Il cattivo andamento dei mercati finanziari ha avuto un pesante impatto sui patrimoni amministrati, scesi a fine marzo a 140 miliardi di franchi, contro i 154 di fine dicembre. In aprile si è assistito peraltro a un lieve recupero, fa sapere EFG.

L'attività della clientela si è rivelata sostenuta, ciò che ha permesso di generare introiti record in materia di commissioni. Le scosse provocate dal Covid-19 hanno avuto influsso soprattutto sul portafoglio obbligazionario; a livello di crediti EFG indica di aver subito solo perdite trascurabili. La capitalizzazione e le liquidità rimangono solide.

Per i mesi a venire la direzione si aspetta una pressione sui ricavi. Per farvi fronte è prevista un'accelerazione delle misure di riduzione dei costi. Intanto l'85% dei dipendenti lavora attualmente da casa per proteggersi dall'epidemia.

EFG International è stata fondata nel 1995 e dal 2005 è quotata alla borsa svizzera. Nel 2016 ha acquisito la BSI (ex Banca della Svizzera italiana), l'istituto luganese nato nel 1873 e travolto – attraverso la sua filiale di Singapore – dalla vicenda di corruzione del fondo sovrano della Malaysia 1MDB. Oggi EFG è presente in 40 località mondiali fra cui sette svizzere, comprese Lugano, Chiasso e Locarno.

Tornare alla home page

ATS