Anche la Cancelleria tedesca prevede una recessione

ATS

23.8.2019 - 18:17

Angela Merkel
Source: KEYSTONE/EPA MTI/SZILARD KOSZTICSAK

Oltre alla Bundesbank, ora anche alla Cancelleria di Berlino ormai si prevede che la crescita economica tedesca del terzo trimestre sarà negativa, creando quindi una «recessione tecnica» dopo il -0,1% dei tre mesi aprile-giugno.

E' quanto emerge da un documento sintetizzato dal settimanale tedesco Der Spiegel in un'anticipazione del numero in edicola lunedì.

La contrazione luglio-ottobre dovrebbe risultare «simile» a quella del secondo trimestre, prevede il settimanale sulla base del documento che a sua volta si basa su una «serie di indicatori» relativi alla seconda metà dell'anno.

«Positivo» viene però valutato a Berlino che la congiuntura interna sia «intatta» e «non c'è da attendersi una grave crisi dell'economia tedesca», almeno «fin quando i conflitti commerciali non degenerano e non si arriva a una Brexit sregolata». Quindi i tecnici della cancelliera Angela Merkel affermano che «non vediamo alcun motivo per misure di stabilizzazione della congiuntura a breve termine».

L'affermazione è motivata anche dalla previsione che, seppur in maniera «minima», la variazione del Pil tedesco dovrebbe tornare positiva a fine anno.

Oltre ad analisti in precedenza, una recessione tecnica era stata prevista dalla Bundesbank lunedì scorso, dopo l'annuncio sul Pil che ha virato in negativo nel secondo trimestre a causa soprattutto di un calo nelle esportazione e nella produzione di auto.

Tornare alla home page

ATS