Implenia riorganizza e taglia 2000 impieghi

ATS

27.10.2020 - 11:32

Implenia prevede circa 250 licenziamenti in Svizzera (foto d'archivio)
Source: KEYSTONE/URS FLUEELER

Il gruppo edile Implenia si ristruttura: vuole separarsi da comparti non redditizi e riorganizzarsi profondamente. In questo contesto intende tagliare fino a 2'000 posti di lavoro a tempo pieno entro il 2023.

Il gruppo prevede circa 750 licenziamenti, di cui 250 in Svizzera, mentre gli altri 1'250 impieghi a tempo pieno passeranno ai nuovi proprietari delle attività cedute, si legge in un comunicato odierno. Attualmente Implenia dà lavoro a circa 9'700 persone.

La società vuole concentrarsi sui servizi edili e immobiliari integrati in Svizzera e Germania. Solo la costruzione di gallerie e progetti infrastrutturali associati saranno proseguiti anche in altri paesi. Ciò significa che nel settore del genio civile e dei progetti infrastrutturali saranno ceduti segmenti quali la costruzione di strade e ferrovie o le fondazioni speciali. Saranno interessate attività in Svezia, Norvegia, Austria e Romania.

Implenia conta su risparmi annuali di oltre 50 milioni di franchi all'anno entro il 2023 e il capitale immobilizzato dovrebbe scendere di circa il 20%. In totale, i costi di ristrutturazione ammonteranno a circa 60 milioni di franchi.

Per l'esercizio in corso il gruppo prevede una perdita operativa (EBITDA) di circa 70 milioni di franchi, che dovrebbe corrispondere a un EBIT negativo per 200 milioni. Oltre ai costi di ristrutturazione e alle rettifiche di valore, anche gli effetti della pandemia di Covid-19 peseranno sui risultati per circa 50 milioni. In compenso l'entrata in Borsa della filiale Ina Invest dovrebbe apportare circa 49 milioni di franchi.

Nell'esame dell'attuazione della strategia nelle divisioni è stata effettuata anche una rivalutazione dei rischi, inclusi debiti e dispute legali. Si sono così rese necessarie rettifiche di valore pari a circa 200 milioni di franchi, viene affermato nella nota. Esse provengono da progetti avviati prima del 2019, soprattutto nell'unità «Civil» in Svezia e in altri paesi.

Nelle attività proseguite Implenia punta a migliorare i margini e il controllo dei costi anche durante i progetti in corso. Inoltre vuole sfruttare le sinergie tra i diversi comparti.

Dall'anno prossimo per il suo utile operativo il gruppo ricorrerà all'EBIT invece che come finora all'EBITDA. Per il 2021 è atteso un EBIT di oltre 100 milioni di franchi, pari a un EBITDA di più di 200 milioni, si legge ancora nel comunicato.

Con 6,07 miliardi di franchi le commesse in portafoglio continuano ad essere elevate e sono migliorate qualitativamente, sottolinea il management. Il fatturato atteso per quest'anno è già coperto dalle ordinazioni, mentre per il 2021 il livello si attesta già al 65%.

In Borsa il titolo è arrivato a perde stamane oltre un quarto del suo valore.

Tornare alla home page