Mobilità

Noleggio bici: in Svizzera si espande

ATS

24.9.2018 - 17:14

Il settore del noleggio delle biciclette in Svizzera sta vivendo un momento di espansione
Source: KEYSTONE/PETER KLAUNZER

Il settore del noleggio delle biciclette in Svizzera sta vivendo un momento di espansione, ma i fornitori locali devono far fronte alla concorrenza estera.

Ancora poco tempo fa le grandi città svizzere non disponevano di un'estesa offerta di biciclette a noleggio, ha detto Valérie Sauter, segretaria generale del Forum Bikesharing Svizzera e responsabile di progetti presso Pro Velo. Le reti più fitte sono state realizzate negli ultimi anni a Bienne, Thun e Lucerna. Con i recenti progetti a Berna e Zurigo le grandi città hanno tuttavia recuperato un po' di terreno.

La crescente importanza della bicicletta nell'ambito della mobilità si è vista anche nella votazione di ieri. Il popolo svizzero ha infatti espresso la volontà che le piste ciclabili vengano sostenute secondo lo stesso principio dei percorsi pedonali e dei sentieri: il 73,6% dei votanti ha deciso di inserire un mandato in tal senso nella Costituzione federale.

I primi fornitori di bici a noleggio sono apparsi in Svizzera quasi 10 anni fa. Nel 2009 è stata fondata Publibike e un anno più tardi Velospot. Publibike è una filiale di AutoPostale. Per gli investimenti il gigante giallo ha concesso al fornitore di bike sharing un credito, ha detto il direttore di Publibike Bruno Rohner. Per l'intera realizzazione di una rete in una città come Berna con 2'400 bici stima l'investimento a circa 8 milioni di franchi.

Tuttavia con il noleggio delle due ruote non si guadagna molto: la redditività è difficile, ha detto Sauter. "Riteniamo che affinché il sistema renda, una bici debba essere noleggiata tra le cinque e le sette volte al giorno".

Tornare alla home page

ATS