Posta e PostFinance, aumenti di salario

ATS

5.2.2020 - 10:41

Qualche soldo in più in tasca per il personale.
Source: KEYSTONE/TI-PRESS/FRANCESCA AGOSTA

Posta e PostFinance aumenteranno gli stipendi in misura pari allo 0,8% della massa salariale, attraverso ritocchi individuali. La busta paga minima salirà inoltre di 200 franchi, per arrivare a 50'200 franchi all'anno.

I vertici delle due aziende e i sindacati Syndicom e Transfair sono giunti a questo risultato negoziale dopo tre tornate di trattative, nelle quali si è tenuto conto della situazione economica delle due imprese, delle condizioni del mercato del lavoro, dei confronti con imprese concorrenti nonché dell'andamento del carovita, informano le parti in un comunicato congiunto. Le misure riguardano circa 26'000 dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro (CCL) della Posta e circa 2600 di PostFinance.

Per l'assegnazione delle misure salariali individuali si è dimostrato valido il sistema con componente obbligatoria integrata introdotto nel 2018, che prevede un aumento della busta paga per tutti i collaboratori con CCL, tranne che in casi eccezionali giustificati. I motivi di esclusione sono stati oggetto della trattativa tra le parti sociali. Il sistema scelto si è rivelato essere uno strumento adeguato per definire misure salariali eque, affermano direzioni e sindacati.

Le trattative per il personale di AutoPostale sono state condotte separatamente e concluse in gennaio: il ritocco è stato dello 0,6%. I negoziati per il personale di Posta Immobili Management e Servizi, SecurePost, PostLogistics e Swiss Post Solutions cominceranno nelle prossime settimane.

Tornare alla home page

ATS