Soia importata in Svizzera più sostenibile

ATS

9.7.2020 - 10:32

Soia importata in Svizzera sempre più sostenibile (foto simbolica)
Source: KEYSTONE/DPA-Zentralbild/BERND SETTNIK

Nel 2019 la Svizzera ha importato circa 260'000 tonnellate di soia, di cui la metà dall'Europa e l'altra metà dal Brasile.

La Rete svizzera per la soia, che lavora da dieci anni per migliorare la sostenibilità di questa risorsa, stila un bilancio positivo dell'impatto del suo lavoro.

Nel 2004 sono stati lanciati i «criteri di Basilea» per una coltivazione responsabile della soia, elaborati da Coop e WFF. Dal 2015, il 94% della soia importata proviene da coltivazioni sostenibili, ha dichiarato oggi a Berna la Rete per la soia.

All'interno della rete, gli operatori dell'industria lavorano al miglioramento ecologico e sociale della coltivazione della soia, soprattutto in Brasile. Così facendo, stabiliscono norme per i produttori e li fanno controllare e certificare da organismi indipendenti. In uno studio finanziato dall'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), la Scuola universitaria bernese di scienze agronomiche, forestali e alimentari (HAFL) di Zollikofen ha dimostrato che i criteri hanno un impatto positivo.

Secondo lo studio, gli standard in materia di sviluppo sostenibile stabiliti da Proterra e da Round Table of Responsible Soy (RTRS) garantiscono che le importazioni di soia provengano da zone esenti da deforestazione, da condizioni di lavoro problematiche o da conflitti con le comunità locali. Lo studio ha identificato un potenziale di miglioramento della biodiversità e di riduzione dell'uso di pesticidi.

Influenza della Svizzera

I produttori di brasiliani e le aziende agricole internazionali hanno risposto alla domanda della Svizzera e propongono soia certificata e senza OGM. Secondo lo studio, ciò dimostra che la Svizzera può influenzare la catena di approvvigionamento nonostante la sua piccola quota di mercato, ciò è ancora più notevole se si considera che la soia da foraggio è una materia prima scambiata sulle borse di tutto il mondo.

I ricercatori consigliano alla rete di sviluppare ulteriormente gli standard già in vigore e condividere la propria esperienza con gli operatori europei in modo che la soia sostenibile certificata s'imponga su più ampia scala. Anche altri mangimi dovrebbero essere ottenuti in modo sostenibile. Le 29 organizzazioni membri della rete hanno accettato di agire in tal senso, hanno aggiunto i ricercatori.

La Rete per la soia comprende, tra gli altri, i commercianti al dettaglio Migros, Coop, Denner e Lidl, il gruppo attivo nella lavorazione della carne Bell, l'Unione svizzera dei contadini, Biosuisse, l'Associazione svizzera dei produttori di mangimi e il WWF Svizzera.

Tornare alla home page