Stadler Rail

Stadler Rail rimane in Bielorussia, «non costruiamo per oligarchi»

hm, ats

15.3.2022 - 19:00

Peter Spuhler è l'anima di Stadler Rail.
Keystone

Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail non intende chiudere il suo stabilimento in Bielorussia, sebbene il paese sia considerato un alleato della Russia nella guerra contro l'Ucraina.

hm, ats

15.3.2022 - 19:00

«È una situazione difficile», afferma il presidente del consiglio d'amministrazione (e Ceo ad interim) Peter Spuhler, in un'intervista all'agenzia Awp. « Non costruiamo prodotti per oligarchi, i nostri prodotti generano un beneficio quotidiano per la popolazione in generale. Per questo motivo non ho una cattiva coscienza per quello che stiamo facendo».

«Noi imprenditori non siamo la polizia mondiale, né vogliamo essere quelli che emettono sanzioni di punto in bianco», ha argomentato il 63enne. A suo avviso il compito di farlo spetta alle organizzazioni internazionali come l'Onu, la Nato, l'Ue e l'Ocse. «Dopo è abbastanza chiaro: allora anche noi, come imprenditori, dobbiamo rispettare queste sanzioni».

«In Bielorussia abbiamo un grande impianto, che purtroppo ora è anche coinvolto in questa guerra, che non possiamo approvare», ha proseguito l'ex consigliere nazionale UDC (1999-2012) in margine alla presentazione del rapporto d'esercizio 2021 della sua azienda. Le sanzioni dell'Ue, che entreranno in vigore il 4 giugno, significano che i componenti elettronici non potranno più essere forniti al paese. Questo ha un impatto sui condizionatori d'aria dei treni, i sistemi di informazione dei passeggeri, i convertitori di potenza e i trasformatori. Come risultato, Stadler deve ora trasferire alcune attività di assemblaggio in Polonia e Svizzera.

Pertanto la produzione di Fanipol, che si trova vicino alla capitale Minsk, sarà ulteriormente ridotta. Attualmente sono rimasti 1150 dei 1700 dipendenti che gli stabilimenti avevano una volta, ha proseguito l'imprenditore. I nuovi trasferimenti di attività comporteranno un taglio dell'organico a circa 700-800 dipendenti nei prossimi tre mesi.

Stadler ha deciso volontariamente di organizzare un piano sociale per le persone colpite. Questo perché l'assicurazione contro la disoccupazione in Bielorussia è modesta, spiega Spuhler. «Ci aspettiamo costi aggiuntivi nell'ordine di un basso importo a una cifra espresso in milioni», ha detto Spuhler.

Il gruppo attualmente non ha ordini in corso né in Russia né in Ucraina. Non sono nemmeno stati fatti investimenti in nessuno dei due paesi, ha concluso l'imprenditore che nel 1989 acquistò l'azienda Stadler per meno di 5 milioni di franchi, quando aveva 18 dipendenti, portandola a un colosso con un organico che è oggi di 13'000 impieghi a tempo pieno.

hm, ats