Swiss Life: utile semestrale in crescita

ATS

13.8.2019 - 11:53

Swiss Life nei primi sei mesi dell'anno ha realizzato un utile netto di 617 milioni di franchi (+10%).
Source: KEYSTONE/CHRISTIAN MERZ

Dinamica positiva per Swiss Life nei primi sei mesi dell'anno: rispetto allo stesso periodo del 2018 l'utile netto è cresciuto del 10%, a 617 milioni di franchi. Il risultato operativo rettificato ha raggiunto gli 846 milioni di franchi, in progressione del 6%.

I dati sono superiori alle attese degli analisti interpellati dall'agenzia Awp. Questi ultimi avevano anticipato in media un utile operativo di 828 milioni e un risultato netto di 610 milioni di franchi.

Nei mesi in rassegna, Swiss Life ha incassato premi per 14,1 miliardi di franchi, un terzo in più di un anno prima al netto degli effetti valutari, indica la società in un comunicato odierno, precisando che l'impennata è dovuta al ritiro della concorrente Axa dal segmento dell'assicurazione completa per le aziende nell'ambito della previdenza professionale.

Sulla redditività hanno inciso positivamente un effetto fiscale unico di 30 milioni nonché l'ampliamento degli affari con commissioni. I proventi per commissioni e spese nella consulenza finanziaria, nella gestione patrimoniale e nella vendita di assicurazioni sulla vita vincolate a partecipazioni hanno segnato, in valuta locale, una crescita del 13% a 876 milioni. Il risultato delle commissioni è salito del 7% a 260 milioni di franchi.

Il rendimento del patrimonio netto rettificato è stato pari all'11,4%, a fronte del 10,4% l'anno precedente e sopra l'obiettivo dell'8-10%. Con 2,24 miliardi di franchi i proventi diretti da investimenti si sono mantenuti al livello dell'anno scorso. Nel settore degli investimenti per clienti terzi Swiss Life Asset Managers ha realizzato afflussi di nuovi capitali netti pari a 6,2 miliardi. A fine giugno le attività in gestione per clienti terzi hanno registrato 79,5 miliardi di franchi (+12% rispetto a fine 2018).

«Il nuovo programma aziendale è partito bene e l'evoluzione positiva degli ultimi anni si è protratta anche nel primo semestre 2019», afferma Patrick Frost, CEO del gruppo, citato nella nota. «Siamo riusciti ad ampliare ulteriormente le operazioni che generano tasse e commissioni, a incrementare sensibilmente il valore degli affari nuovi e ad aumentare il trasferimento di disponibilità liquide alla holding». Per il futuro il gruppo si dice fiducioso.

Tornare alla home page

ATS