L'Associazione SwissRailvolution si impegna per la ferrovia di domani

ev, ats

1.12.2021 - 12:38

Secondo SwissRailvolution il traffico merci deve essere spostato dalla strada alla ferrovia, soprattutto sull'asse nord-sud (foto simbolica)
Keystone

Per le ferrovie è giunto il momento della rivoluzione: lo sostiene l'associazione no-profit SwissRailvolution.

ev, ats

1.12.2021 - 12:38

Questa si impegna nella loro rinascita e intende farlo per assicurare il successo dello sviluppo economico e sociale della Svizzera, rafforzare la coesione nazionale e facilitare il commercio con l'Europa. Il tutto in un contesto di cambiamento climatico.

L'obiettivo è quello di offrire un'alternativa agli spostamenti in auto e in aereo tramite l'infrastruttura ferroviaria e ad alta velocità, secondo il sito web dell'associazione. La ferrovia, grazie al suo ridotto consumo energetico e alla bassa impronta di CO2, è il modo di trasporto più ecologico, ha spiegato in una conferenza stampa a Berna il comitato dell'associazione SwissRailvolution, appena fondata.

Per questo, i collegamenti tra gli agglomerati svizzeri dovrebbero essere assicurati con un'integrazione efficiente alla rete europea ad alta velocità e i treni notturni dovrebbero essere rilanciati. Secondo l'associazione, tutta la Svizzera dovrebbe continuare ad essere accessibile.

SwissRailvolution ritiene necessario migliorare i collegamenti diretti tra le città, l'Altopiano e le regioni di montagna.

Inoltre, l'organizzazione vuole equilibrare meglio la ripartizione di trasporto tra la strada e la ferrovia. Il traffico merci deve essere spostato dalla strada alla ferrovia, soprattutto sull'asse nord-sud. La rete ferroviaria storica deve essere alleggerita separando i flussi di passeggeri e di merci e aprendo nuovi assi performanti.

Connessione con l'Europa

Secondo SwissRailvolution solo una visione a lungo termine, in grado di integrare tutti gli investimenti già stanziati, consentirà un rinnovo della rete ferroviaria svizzera e una solida connessione con l'Europa.

Entro il 2022 l'obiettivo è quello di impostare lo studio macroscopico della Croce federale della mobilità e di mobilitare nuove risorse necessarie allo sviluppo del concetto SwissRailvolution.

Il presidente del comitato dell'associazione è l'ex consigliere agli Stati ticinese Filippo Lombardi (Alleanza del Centro). Gli altri membri del comitato sono la consigliera nazionale Katja Christ (PVL/BS), il consigliere agli Stati Olivier Français (PLR/VD) e Guido Schoch, ex direttore dei trasporti pubblici zurighesi.

ev, ats