In Europa

Attacchi con siringhe nei locali notturni, l'esperto: «Possibili molte motivazioni»

Di Oliver Kohlmaier

8.8.2022

Misteriosi attacchi con aghi o siringhe inquietano i nottambuli.
Misteriosi attacchi con aghi o siringhe inquietano i nottambuli.
Sebastian Gollnow/dpa

Notizie di misteriosi attacchi con siringhe o aghi hanno sconvolto l'Europa. Non si sa quasi nulla sulle motivazioni degli autori. blue News, per fare un po' di chiarezza, ha chiesto l'opinione di uno psicologo.

Di Oliver Kohlmaier

8.8.2022

In un numero sempre maggiore di Paesi europei vengono segnalati misteriosi attacchi con siringhe o aghi nei locali notturni o ai concerti. Finora si sa poco su questi incidenti e le motivazioni degli autori sono ancora oscure.

Lo psicologo zurighese Felix Hof spiega cosa potrebbe spingere gli artefici a effettuare gli attacchi e perché potrebbe esserci anche uno sfondo politico.

Signor Hof, cosa ci può dire dei misteriosi attacchi nelle discoteche o ai concerti?

I resoconti finora pervenuti ci permettono di fare solo speculazioni. Tuttavia, il fenomeno non è nuovo. Quando è stato scoperto l'HIV, nel panorama della droga esistevano già situazioni simili.

A quel tempo, i tossicodipendenti minacciavano le altre persone, ad esempio: «Ti infetterò con l'HIV se non mi dai la droga o il denaro!». Non è quindi una novità che le siringhe vengano utilizzate a scopo di ricatto.

L'esperto
zVG

Felix Hof è psicoterapeuta e psicologo a Zurigo. Dopo aver completato gli studi presso l'Ospedale Psichiatrico Universitario di Zurigo, ha lavorato per diversi anni come capo psicologo presso il centro di reclutamento dell'Esercito svizzero a Rüti (Zurigo).

In che modo i recenti incidenti sono diversi da quelli di allora?

La novità - e questo mi preoccupa molto - è che le gocce knockout o sostanze simili vengono ora apparentemente somministrate anche con siringhe e non più tramite le bevande, come in precedenza.

Inoltre, a quanto pare si tratta di sostanze che non sono ancora state identificate, il che ovviamente fa ancora più paura. In aggiunta, secondo i resoconti di alcune vittime, sarebbero stati usati aghi di grande diametro, molto dolorosi e in grado di infliggere lesioni.

È ancora tutto molto misterioso e sta assumendo proporzioni quasi epidemiche. In Spagna sono state ricevute circa 50 segnalazioni e si presume che il numero di casi non segnalati sia molto alto. L'aspetto molto interessante è che al momento gli incidenti si limitano soprattutto ai centri turistici, in particolare alle discoteche.

Può darsi - e questa è anche la mia ipotesi - che gli autori vogliano creare così tanta insicurezza da far diminuire la quantità di gente, e ci riescono. Le donne, in particolare, sono insicure. In questo modo gli autori avrebbero raggiunto un obiettivo.

Quindi gli attacchi con gli aghi sono una dichiarazione politica contro il turismo di massa?

Questa è una delle mie ipotesi, sì. Forse sono gruppi che fanno in modo che l'insicurezza diventi così grande che soprattutto le donne non osino più uscire. Bisogna rendersi conto di quanto siano massicce queste aggressioni. Alcune vittime sono indifese. E soprattutto le donne si chiedono: «Sarò io la prossima?».

Gli incidenti in Spagna sono diversi da quelli degli altri Paesi?

In realtà, le segnalazioni di Germania, Francia e Regno Unito non coincidono con quelle provenienti dalla Spagna, il che rende il fenomeno ancora più confuso. 

In che modo? Quali motivazioni potrebbero avere gli autori del crimine?

In definitiva, si tratta di persone che vogliono deliberatamente spaventare altre persone, che vogliono far loro del male. Questo può avere motivazioni sadiche. Gli autori potrebbero provare piacere nel fare del male e provocare dolore agli altri.

Soprattutto se si tratta di gocce KO o di altre sostanze che rendono gli altri compiacenti, le aggressioni potrebbero ovviamente avere anche uno sfondo sessuale. Ci sono molte possibili motivazioni.

In Francia, in alcune vittime non sono state trovate tossine. Si tratta forse solo della volontà di diffondere paura e terrore?

Forse sì. Tuttavia, prenderei questi rapporti con le pinze. Esistono sostanze efficaci per un breve periodo di tempo che non sono più rilevabili quando la vittima viene esaminata.

La volontà di infliggere dolore, l'aggressione, cioè il comportamento invadente, e la paura: questi motivi sembrano essere più pronunciati in Germania, Francia e Regno Unito. 

In tutti i Paesi, le vittime sono prevalentemente donne. Pensa che la misoginia giochi un ruolo importante?

Non vorrei dire questo. Probabilmente si avrà una risposta se si potranno arrestare i responsabili il prima possibile. Dopotutto, non si sa quasi nulla degli autori. I due uomini arrestati in Francia non potevano che essere autori solitari.

Sarebbe interessante conoscere la composizione di chi effettua questi attacchi. Può trattarsi di motivazioni misogine o possono esserci dietro persone che provano piacere quando altri provano dolore, hanno paura, vengono menomati: tutto questo può essere indipendente dal genere.