Svelato il mistero? Banksy convocato in tribunale a Londra, «dovrà rivelare la propria identità»

SDA

3.10.2023 - 17:06

Repliche di alcune opere dell'artista e writer britannico Banksy esposte presso la Halle 622 a Zurigo (foto archivio).
Repliche di alcune opere dell'artista e writer britannico Banksy esposte presso la Halle 622 a Zurigo (foto archivio).
Keystone

L'elusivo artista britannico Banksy, sulla cui identità da tempo girano voci e indiscrezioni mai confermate, potrebbe svelarla in seguito a una convocazione dell'Alta corte di Londra seguita a una causa per diffamazione intentata contro di lui.

SDA

3.10.2023 - 17:06

È quanto si legge sul Mail Online, che pubblica alcune presunte rivelazioni nel tentativo di rilanciare un suo pseudo scoop del 2008, in cui affermava di aver svelato il mistero individuando il nome del celebre writer: Robin Gunningham, originario di Bristol ed educato nella scuola pubblica inglese. Nei documenti legali sarebbe finita anche Pest Control, l'ente ufficiale che certifica le opere di Banksy apparse sui muri delle città di tutto il mondo.

Al centro di questo dubbio tentativo di svelare l'identità dell'artista c'è Andrew Gallagher, un imprenditore 56enne attivo negli anni Novanta nel mondo dei rave e poi dedicatosi al mercato dei graffiti, che ha citato in tribunale Gunningham prendendo per buona l'identificazione di Banksy fatta dal Mail. In merito alla causa non vengono aggiunti dettagli, in quanto, stando al legale di Gallagher, si tratta di informazioni confidenziali. Tutto in attesa di vedere se questa convocazione diventerà esecutiva e se il convocato – ammesso che compaia – dovesse rivelarsi essere il vero Banksy.

Solo in fondo all'articolo del Mail si legge anche di un precedente tentativo di azione legale analoga finita in un flop, con i giudici che l'hanno respinta dando ragione al writer. Mentre lo stesso tabloid ammette che l'identità di Banksy resta un mistero nonostante i tentativi falliti compiuti in passato dai suoi reporter.

SDA