Se sei pensionato è più difficile ottenere una carta di credito

hm, ats

27.10.2021 - 17:00

Per gli acquisti online serve la carta di credito e chi non lavora più può avere problemi.
Keystone

Per i pensionati è spesso difficile ottenere una carta di credito, al contrario per esempio degli studenti: lo rivela la testata consumeristica K-Geld nel suo numero oggi in edicola.

hm, ats

27.10.2021 - 17:00

Il periodico riferisce del caso di una 67enne che ha presentato a UBS domanda per una propria carta, che è stata però respinta. La banca considerava troppo basso il reddito di 20'600 franchi della donna, calcolato come la metà della rendita AVS comune con il marito.

Soltanto quando la coppia ha fatto presente che poteva disporre anche di una sostanza non indifferente l'istituto ha dato il suo nulla osta, fissando a 3000 franchi il limite di credito del mezzo di pagamento.

Quello indicato non è un caso isolato, fa presenta K-Geld sulla base della richieste di consulenza che ricevono i suoi esperti. Le banche sostengono di non voler discriminare gli anziani, ma si rifiutano nel contempo di rendere noti i criteri che regolano la concessione di una carta a un pensionato. Si tratta di un segreto commerciale, viene fatto notare.

È però possibile dedurre qualche indicazione dai formulari di richiesta. Presso UBS se il reddito annuale è inferiore a 30'000 franchi occorre fornire indicazioni sul patrimonio. Questo limite scende a 25'000 franchi per Swisscard, filiale di Credit Suisse, mentre Cembra richiede sempre informazioni sulla sostanza imponibile.

Più facile per gli studenti

Sulla base delle prassi applicata anche da altri istituti, K-Geld giunge alla conclusione – per taluni forse paradossale – che è più facile per gli studenti ottenere una carta.

La testata zurighese consiglia ai pensionati di cercare il dialogo con la loro banca di riferimento, che è bene al corrente della rispettiva situazione finanziaria. Altro punto da considerare: chi ha sottoscritto una carta durante la vita lavorativa non deve aspettarsi che gli venga tolta una volta andato in pensione: il passaggio alla vita post-professionale viene considerato non problematico dagli istituti interpellati da K-Geld.

hm, ats