Da Choupette a Bob, il gatto della grondaia: tutti conoscono questi mici

dpa/gbi

11.8.2020

I gatti sono molto di più di semplici animali da compagnia: alcuni rivestono un mandato di sindaco per 20 anni o ispirano gli stilisti e gli hipster, mentre altri semplicemente ci fanno ridere.

Durante l’Antichità, gli egiziani erano già amanti dei gatti, animali considerati sacri, addirittura venerati. Le piccole tigri dei nostri salotti sono presenti ancora oggi e spopolano tra gli animali più amati anche in Svizzera. Queste fascinose creature a quattro zampe hanno conquistato l’industria dell’intrattenimento, assistono personalità politiche o rivestono importanti funzioni. L’8 agosto si è celebrata la giornata internazionale del gatto. Ecco una retrospettiva dei felini più famosi:

Bob, il gatto randagio

Bob era il gatto delle grondaie più famoso al mondo. Deve questo titolo al suo proprietario James Bowen, un musicista di strada che l'ha incontrato a Londra. Questo è stato l’inizio di una solida amicizia: James Bowen afferma che Bob l’ha aiutato a superare la sua dipendenza dalla droga e a ritrovare il coraggio di vivere. Il libro «Un gatto randagio di nome Bob» è un best-seller e vanta perfino una trasposizione cinematografica. Sono seguiti altri libri, tradotti in più lingue. A giugno, James Bowen e i milioni di fan di Bob hanno però dovuto dirgli addio.

Larry the Cat

Dal 2011, Larry vive al civico 10 di Downing Street a Londra, la residenza ufficiale del Primo ministro britannico, che vede sfilare grandi nomi. Durante il mandato di David Cameron, ha per esempio incontrato l’ex presidente statunitense Barack Obama.

Larry fa attualmente parte dell’equipe di Boris Johnson. Va a caccia di topi e commenta l’attualità politica del regno su un account Twitter satirico seguito da circa 400'000 fan. D’altronde, Winston Churchill aveva anche lui un «Chief Mouser» negli anni 1940, che rispondeva al nome di Nelson.

Il Gatto con gli stivali

All’inizio, l’animale a quattro zampe della fiaba di Charles Perrault sembra essere solo un’inutile eredità. Grazie ai suoi stivali, diventa invece una furba creatura che fa del suo padrone un uomo ricco.

Da allora, il gatto ha fatto il suo ingresso nel mondo del cinema di animazione: apparso come fedele compagno dell’orco verde Shrek, al Gatto con gli Stivali è stato persino dedicato un film nel 2011.

Grumpy Cat

In realtà, si chiamava Tardar Sauce. Ma nel 2012, gli angoli della bocca tirati verso il basso e la sua aria scontrosa (grumpy in inglese) sono valsi alla micia il soprannome di Grumpy Cat, e hanno probabilmente fatto di lei la gatta più famosa di Internet. Nel 2014, le è stato persino dedicato un film negli Stati Uniti. Grumpy Cat è morta in pace lo scorso anno. Ma poiché le leggende non muoiono mai, è ancora una star dopo la sua morte e conta più di 2,5 milioni di fan su Instagram.

Garfield

Impertinente e pigro, adora le lasagne: questo gatto indolente ma simpatico fa ridere i fan dei fumetti dal 1978. Le sue storie raccontano sotto forma di parodia la relazione tra Garfield e il suo proprietario Jon Arbuckle. Così come Grumpy Cat, Garfield è diventato una star del cinema e si è ritrovato sul grande schermo nel 2004 e nel 2006.

Choupette

È considerata come una vera star ed è stata per diversi anni la musa di Karl Lagerfeld. Seguiva lo stilista ovunque lui andasse. Questa felina originaria della Birmania è stata protagonista di una serie di pubblicità per alcune auto e una collezione di trucchi giapponesi, possiede un account Twitter e conduce una vita lussuosa. Alla morte dello stilista, Choupette si è ritrovata nel cuore di un litigio per la successione che ammonterebbe a milioni di euro.

Tom

Il gatto attacca il topo Jerry a un filo, che poi aggancia a una canna da pesca. Poi la immerge in acqua, perché i pesci lo divorino. Ma Jerry riesce come sempre a sfuggire e finisce per utilizzare Tom come esca. Nemici sullo schermo, Tom e Jerry formano probabilmente una delle accoppiate più popolari dei cartoni animati, con le loro divertenti rincorse e i loro appassionanti duelli.

Il sindaco Stubbs

Era onesto e imparziale e non ha mai aumentato le tasse. Per una ventina di anni, il gatto Stubbs ha ricoperto la funzione di sindaco di Talkeetna, una località situata nello stato dell’Alaska. Nel 1997, a causa della mancanza di un candidato accettabile, la maggior parte degli elettori ha scritto il nome dell’animale sulla propria scheda elettorale. Il gatto ha dunque preso potere fino alla sua morte, avvenuta nel 2017.

Hamilton, il gatto hipster

Sono apparsi improvvisamente all’inizio degli anni 2010: erano giovani con i baffi ben curati, chiamati «hipster». Ma la tendenza sembra ugualmente diffondersi poco a poco anche nel mondo animale. Con i suoi baffi bianchi, il gatto hipster Hamilton ne è il precursore. I suoi 800’000 fan sui social network ricevono ogni giorno notizie dell’animale, che sfoggia sempre dei baffi perfettamente curati.

Tornare alla home page