Dieci minuti per andare in bagno, troppo tempo?

tafu/tsha

3.9.2021

Stefanos Tsitsipas of Greece reacts after losing a point to Hubert Hurkacz of Poland during the quarterfinals of the Miami Open tennis tournament, Thursday, April 1, 2021, in Miami Gardens, Fla. Hurkacz won 2-6, 6-3, 6-4. (AP Photo/Lynne Sladky)
Il tennista greco Stefanos Tsitsipas ama prendersi un po' più di tempo quando va in bagno. 
KEYSTONE via AP Photo/Lynne Sladky.

Il tennista greco Stefanos Tsitsipas l'ha fatto di nuovo: mercoledì è scomparso per diversi minuti al bagno durante una partita. Troppo lungo? «blue News» fa il «fact checkin», la verifica dei fatti.

tafu/tsha

3.9.2021

«Non sono mai stato in bagno così a lungo nella mia vita», ha detto indignato la star del tennis Andy Murray riguardo al suo avversario, il greco Stefanos Tsitsipas. Lunedì, durante una partita agli US Open, è semplicemente scomparso nelle catacombe per un po'. Dopo più di sette minuti è tornato, ignaro di una qualsivoglia colpa, e ha vinto la partita.

Non c'è da stupirsi che Murray sia doppiamente infastidito. Sospetta che dietro al comportamento del suo avversario ci sia una deliberata intenzione di turbarlo. Anche dopo la partita, continua a sfogare la sua rabbia su Twitter: «Fatto del giorno: Stefanos Tsitsipas ha bisogno del doppio del tempo per andare in bagno di quanto Jeff Bezos necessita per volare nello spazio. Interessante».

Alexander Zverev ha avuto la stessa esperienza: quando Tsitsipas ha giocato contro di lui, è rimasto addirittura lontano dal campo per dodici minuti interi. «Forse sta davvero andando in bagno, ma succede troppo spesso», ha detto Zverev. Tsitsipas, d'altra parte, è stato relativamente veloce mercoledì: nella sua vittoria al secondo turno degli US Open su Adrian Mannarino, si è concesso «solo» otto minuti in bagno. Ed è stato fischiato dalla folla dopo essere tornato in campo.

Cosa dice il diritto del lavoro

Ma quanto è effettivamente «troppo spesso»? E per quanto tempo è permesso andare in bagno quando si è «al lavoro», per così dire? Secondo le regole della Federazione Internazionale di Tennis (ITF), due pause sono consentite nelle partite maschili con tre set vincenti, secondo «Der Spiegel». La durata di tale pausa, tuttavia, non è chiaramente regolata.

Ma cosa dice fondamentalmente il diritto del lavoro su questo punto? «Quanto possa durare una pausa per la toilette non è specificamente regolamentato», spiega Marc Hürzeler, professore di diritto della sicurezza sociale all'Università di Lucerna, alla domanda postagli da «blue News». «Le visite alla toilette dovrebbero quindi essere generalmente completate entro i soliti tempi di pausa». Coloro che lavorano più di cinque ore e mezza al giorno sono autorizzati a fare una pausa di quindici minuti. Dalle sette ore di lavoro, il tempo di pausa raddoppia a 30 minuti.

Per quanto riguarda la durata e la frequenza delle pause pipì, «il datore di lavoro deve anche prendere in considerazione la salute del dipendente», dice Hürzeler. «Eccezionalmente, per ragioni di salute, può essere indicata una visita più frequente o più lunga alla toilette, che dovrebbe essere concessa dal datore di lavoro in queste circostanze».

Quanto tempo è troppo lungo?

Per i tennisti come Stefanos Tsitsipas, tuttavia, queste regole non si applicano. Il che solleva la domanda: il greco impiega davvero più tempo della media per andare in bagno? La risposta è semplice: dipende.

In primo luogo, una grande transazione di solito richiede più tempo di una piccola. Gli urologi svizzeri, contattati da «blue News», indicano che per fare pipì ci vogliono fisiologicamente tra i 10 e i 20 secondi in media.

In secondo luogo, ognuno di noi trascorre diverse quantità di tempo in bagno, indipendentemente dai bisogni strettamente fisiologici.

Uno studio recente ha calcolato che gli uomini svizzeri hanno bisogno di cinque minuti per sessione (le donne, invece, solo 3,6 minuti). Ma poiché le donne usano il bagno cinque volte al giorno e gli uomini solo tre, le prime passano più di un anno della loro vita al bagno, mentre gli uomini 291 giorni.

Un altro studio, questa volta dalla Gran Bretagna, ha dimostrato che molti uomini passano più tempo in bagno di quanto sia effettivamente necessario. Perché al posto di cedere semplicemente alle compulsioni naturali, per alcuni il bagno è apparentemente un rifugio, per fuggire da coniugi o figli fastidiosi per qualche minuto.

Che Stefanos Tsitsipas sia spinto da motivazioni simili rimane il suo segreto.