Needle-Spiking

Ecco quanto sono pericolosi gli attacchi con gli aghi

Di Stefan Michel

16.8.2022

La folla come terreno di caccia: alla Street Parade ci sono stati almeno otto attacchi con aghi.
La folla come terreno di caccia: alla Street Parade ci sono stati almeno otto attacchi con aghi.
KEYSTONE

Dopo gli attacchi alla Street Parade, il needle spiking è considerato il nuovo pericolo per le strade. Ma quanto sono davvero pericolose le punture d'ago? Gli esperti forniscono diverse informazioni.

Di Stefan Michel

16.8.2022

Gli attacchi con gli aghi sono spaventosi. Sembra impossibile proteggersi in mezzo alla folla da un ago infilato in una parte del corpo. Lo psicoterapeuta Felix Hof ipotizza che proprio questa insicurezza sia uno dei principali obiettivi degli autori dei reati.

Ma quanto è pericoloso essere punti? La puntura breve è sufficiente per iniettare un agente patogeno o trasmettere una malattia infettiva? Quali altri pericoli ci sono? Oppure le conseguenze psicologiche sono le più gravi? Gli esperti forniscono alcuni chiarimenti.

Una breve puntura è sufficiente per trasmettere una malattia infettiva?

Almeno questo non si può escludere. «La contaminazione può causare infezioni batteriche della pelle e dei tessuti molli attraverso lesioni minori e quindi causare altre malattie o complicazioni», spiega Robert Frey, paramedico qualificato e amministratore delegato di Ärztefon, centro di contatto per le emergenze mediche non pericolose per la vita nel Cantone di Zurigo.

Il medico di base Ragnar Guggenbühl precisa: «In teoria sarebbe possibile trasmettere l'epatite in questo modo, ad esempio. Ma come fa un attaccante a ottenere l'agente patogeno?». Va notato che le infezioni possono anche manifestarsi solo dopo giorni o settimane.

Con questi attacchi si possono somministrare farmaci in modo che abbiano un effetto?

«Fondamentalmente, tutto può essere assorbito attraverso la pelle, compresi i farmaci, anche se in quantità minori, il che rallenta l'assorbimento. Dipende interamente dalle sostanze utilizzate e dal fatto che vengano iniettati anche preparati ausiliari», spiega Robert Frey, di Ärztefon.

Christoph Anders dell'Istituto di Medicina Legale dell'Università di Zurigo ha dichiarato a SRF 10 vor 10: «Il tempo di contatto è estremamente breve e la probabilità di iniettare una quantità nel corso di questo brevissimo contatto è estremamente improbabile».

Il medico di famiglia Ragnar Guggenbühl ha espresso un parere simile: «Iniettare una quantità di farmaci in questo modo, in modo che diventino evidenti, mi sembra quasi impossibile».

Una vittima riferisce alla SRF 10 vor 10 di gravi cambiamenti di coscienza fino alla completa perdita di orientamento.

Quali altre lesioni sono possibili in seguito all'inserimento violento di un ago?

È praticamente impossibile ci siano lesioni. Il medico di base Guggenbühl spiega: «A meno che non si stia pugnalando un occhio, con un piccolo ago non è possibile riportare lesioni significative. Forse con un grosso ago ipodermico, ma non sembra che sia stato usato».

Cosa fare se si è stati punti o si teme di essere stati punti?

In caso di casi e sintomi sospetti, in particolare alterazioni dello stato di coscienza, difficoltà respiratorie o alterazioni della percezione visiva, è necessario consultare immediatamente un servizio di emergenza medica, raccomandano l'Ärztefon e la polizia municipale di Zurigo.

Le vittime avranno poi paure durature, ad esempio della folla?

Lo psicoterapeuta Felix Hof spiega: «Questo può accadere, ma le paure possono anche attenuarsi presto e si può tornare ad essere fiduciosi. La situazione è diversa se c'è una storia di ansia, cioè se una persona soffre già di ansia. Allora un attacco del genere può diventare una storia più lunga».

Che cosa significa il pericolo di un tale attacco per le persone che hanno già paura delle iniezioni?

«Questi timori probabilmente aumenteranno. Le persone che ne soffrono dovranno proteggersi ancora meglio, ad esempio facendosi accompagnare da una persona fidata quando escono», afferma lo psicoterapeuta Hof.

Come possono i frequentatori delle feste proteggersi da questi attacchi?

I consigli della polizia municipale di Zurigo dimostrano che ci sono pochi modi per prevenire un attacco, per quanto piccolo possa essere il rischio per un individuo. Il consiglio: non andate a casa da soli, ma con una persona fidata. Segnalare le persone sospette al personale del club o all'organizzatore. Se possibile, evitate il contatto ravvicinato con persone che non conoscete. Prestare attenzione agli altri, parlare con le persone che sembrano indifese o stordite e, se necessario, informare il personale del club, i servizi di emergenza (144) o la polizia.

Se un colpevole venisse catturato, cosa vorrebbe sapere da questa persona?

«In primo luogo sarei interessato alla salute mentale di quella persona e al suo background psicosociale. E poi andrei a cercare le motivazioni con la persona. Sono curioso di vedere se i due arresti in Francia forniranno nuovi spunti».