Parte della navetta SpaceX

Gli agricoltori trovano spazzatura spaziale nei pascoli

di Dirk Jacquemien

8.8.2022

Gli allevatori di pecore Jock Wallace (a sinistra) e Mick Miners (a destra) con l'astrofisico Brad Tucker (al centro) e la spazzatura di SpaceX.
Gli allevatori di pecore Jock Wallace (a sinistra) e Mick Miners (a destra) con l'astrofisico Brad Tucker (al centro) e la spazzatura di SpaceX.
Twitter Brad Tucker

I resti di una navicella SpaceX sono caduti su un pascolo di pecore in Australia. Quasi una tonnellata di detriti spaziali si è schiantata sulla terra.

di Dirk Jacquemien

8.8.2022

I resti di una capsula Crew Dragon di SpaceX, inviata alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nel novembre 2020, si sono schiantati in un pascolo di pecore sulle Snowy Mountains nello Stato australiano del Nuovo Galles del Sud, secondo quanto riferito dall'Agenzia Spaziale Australiana (ABC). Né le pecore né le persone sono rimaste ferite.

Sembra che i pezzi siano precipitati nell'area remota già il 9 luglio e che siano stati scoperti gradualmente. Alcune parti sono lunghe fino a tre metri e la loro massa totale è di circa una tonnellata. All'inizio la loro origine non era chiara. Dopo che l'allevatore di pecore Jock Wallace ha scoperto un pezzo di spazzatura spaziale sulla sua proprietà, ha chiamato l'Autorità australiana per l'aviazione.

Questa però lo ha indirizzato all'agenzia spaziale statunitense NASA. «Sono un contadino di Dalgety, cosa dovrei dire alla NASA?», è stata la risposta di Wallace. L'astrofisico Brad Tucker dell'Australian National University della capitale Canberra ha poi esaminato le parti e le ha identificate come probabilmente provenienti da SpaceX, come successivamente ha confermato la stessa azienda.

Il tronco della navetta spaziale

Oltre alla cabina, la capsula Crew Dragon è composta anche da una sorta di bagagliaio. Questa zona, che non viene rifornita di ossigeno, viene solitamente utilizzata per il trasporto di merci. Prima di tornare sulla Terra, il bagagliaio viene staccato e la cabina con gli astronauti torna indietro da sola.

La capsula della missione Crew-1 ha lasciato la ISS il 1. maggio 2011 e il pezzo staccato ha trascorso l'ultimo anno in orbita intorno alla Terra, finché la gravità non l'ha riportato a terra, in questo caso proprio nel pascolo di pecore australiano.

Australia, destinazione popolare per la spazzatura spaziale

Non è chiaro cosa accadrà ora alla spazzatura spaziale. Secondo la Convenzione sul recupero spaziale del 1968, le parti ritrovate delle navicelle spaziali devono essere trasportate nel Paese di origine, in questo caso gli Stati Uniti. Quindi presumibilmente SpaceX raccoglierà la sua spazzatura.

L'Australia ha avuto a che fare più volte con la spazzatura spaziale americana. Nel 1979, i resti del ben più grande Skylab, un predecessore della ISS, si sono schiantati nell'ovest del Paese. Più di recente, ci si è preoccupati dei resti del razzo cinese Long March 5B. La maggior parte di essi cadde nell'Oceano Indiano e Pacifico, ma alcune parti atterrarono anche in Malesia e Indonesia.