Haiti, rapiti 17 missionari statunitensi, anche donne e bimbi

SDA

17.10.2021 - 18:55

Forze armate nelle strade di Port-au-Prince
Keystone

Avevano visitato un orfanotrofio a un trentina di chilometri dalla capitale haitiana Port-au-Prince quando i mezzi sul quale viaggiavano sono stati fermati da un gruppo di uomini armati: almeno 17 missionari americani sono stati fatti scendere e rapiti.

SDA

17.10.2021 - 18:55

Nessuna traccia di uomini, donne, bambini, inghiottiti dalla spirale di violenza e povertà che fa di Haiti uno dei Paesi più pericolosi del mondo. I missionari erano diretti all'aeroporto Toussaint Louverture di Port-au-Prince per tornare a casa negli Stati Uniti.

Secondo le prime informazioni è stata la «400 Mawozo», una banda che da mesi imperversa nella zona tra Port-au-Prince e il confine con la Repubblica Dominicana con furti e sequestri, a trasformare in tragedia una missione caritatevole nella cittadina di Croix-des-Bouquets.

Il gruppo in aprile aveva rapito altre 10 persone, tra cui un prete e una suora francesi, sempre nella stessa zona. Ma non sono solo gli stranieri a cadere tra le mani dei banditi, spesso vengono sequestrati anche gli haitiani nel clima di confusione e insicurezza che tradizionalmente si respira ad Haiti ma che si è accentuato dopo l'assassinio, nel luglio scorso, del presidente Jovenel Moise.

Da allora il Paese è di fatto in mano a fazioni rivali che si contendono il controllo del territorio. Prima del rapimento di oggi associazioni professionali e di imprenditori a Port-au-Prince avevano convocato uno sciopero a oltranza, a partire da lunedì, per protestare contro il crescente clima di insicurezza.

E molti haitiani, riporta il New York Times, vedrebbero di buon occhio un intervento militare americano, una strada che però il presidente Joe Biden non sembra voler percorrere. Nei primi tre trimestri del 2021 si sono registrati centinaia di rapimenti: almeno 328 secondo alcune fonti, oltre 600, secondo altre.

Il ministero della Giustizia haitiano e la polizia non hanno commentato il rapimento dei missionari. Un portavoce dell'amministrazione Usa, pur senza fornire informazioni, ha detto che «il benessere e la sicurezza dei cittadini americani all'estero sono una delle maggiori priorità del Dipartimento di Stato».

Il rapimento dei missionari arriva pochi giorni dopo che funzionari di alto livello degli Stati Uniti hanno visitato Haiti e hanno promesso maggiori risorse per le forze di polizia del Paese, inclusi altri 15 milioni di dollari per aiutare a ridurre la violenza delle bande, che quest'anno ha costretto migliaia di haitiani a sfollare e a vivere in ricoveri temporanei in condizioni sempre più antigieniche.

Tra coloro che hanno incontrato il capo della polizia di Haiti c'era Uzra Zeya, il sottosegretario di Stato americano per la sicurezza civile, la democrazia e i diritti umani. «Smantellamento delle bande violente è vitale per la stabilità haitiana e la sicurezza dei cittadini», ha twittato di recente.

SDA