La Baia dei Porci

Il fallito colpo di Stato della CIA a Cuba

Philipp Dahm

17.4.2021

Dopo che la mafia e la CIA non riuscirono ad accordarsi su di un attentato ai danni di Fidel Castro, gli Stati Uniti addestrarono gli esuli cubani. Il loro tentativo di invasione della Baia dei Porci fallì miseramente 60 anni fa.

Philipp Dahm

17.4.2021

Il D-Day nella Baia dei Porci 60 anni fa: la mattina del 17 aprile 1961, i primi due dei sei mezzi da sbarco planano. Portano sull'isola circa 1'400 esuli cubani armati e alcuni agenti della CIA per deporre il presidente Fidel Castro. La Brigata 2506 non sa che l'invasione della Baia dei Porci finirà in un fiasco.

Gli uomini sono stati avvicinati per la prima volta nella zona di Miami a partire dall'aprile 1960: un ricco esule cubano li pagherebbe per rovesciare il governo di Cuba, ma la maggior parte di loro si rende conto che dietro c'è l'intelligence statunitense. La mascherata viene poi presto abbandonata.

I primi 28 uomini vengono reclutati e addestrati nelle basi di Panama e del Guatemala, dove la CIA aveva organizzato un colpo di Stato pochi anni prima. L'addestramento di questi uomini negli Stati Uniti è troppo pericoloso per Washington in termini di politica estera. L'istruzione dell'esercito fantoccio è pianificata e supervisionata da Allen Dulles, il capo della CIA.

JFK eredita il «problema Cuba»

John F. Kennedy deve approvare la missione nell'aprile 1961, ma il piano per eliminare Castro esiste già da tempo. L'amministrazione di Dwight D. Eisenhower, precedente a quella di Kennedy, stanzia nel marzo 1960 una somma di 13,1 milioni di dollari, l'equivalente di circa 117 milioni di oggi, per rovesciare il governo di Cuba. Sostenere i combattenti della resistenza locale, tuttavia, produce pochi risultati soddisfacenti.

Cuba è anche il grande tema della campagna elettorale statunitense del 1960, durante la quale entrambi i candidati Richard Nixon e John Fitzgerald Kennedy promettono di essere duri con la repubblica socialista. Poco dopo la sua entrata in carica JFK, nel gennaio 1961, si trova confrontato all'idea della CIA di sostenere gli esuli cubani in una controrivoluzione. Il nuovo presidente non è entusiasta dei piani, ma permette loro di procedere.

Che problema hanno gli statunitensi con Castro? I cubani hanno dapprima rimosso il divieto sul partito comunista, poi hanno espropriato le compagnie energetiche americane che si rifiutavano di trattare il petrolio sovietico. Poco dopo altre proprietà statunitensi sono state nazionalizzate. Si dice che 1,5 miliardi di dollari siano stati persi in questo modo. 

La sorpresa fallisce

Anche la mafia italiana negli Stati Uniti, che si è espansa all'Avana, ha subito considerevoli perdite. È già fallito un tentativo da parte della CIA di cooperare con il crimine organizzato per assassinare Castro. Ora tutte le speranze riposano sulla Brigata 2506, che si sposta dal Guatemala al Nicaragua il 9 aprile, da dove parte il 14 aprile per attaccare la patria.

La CIA aveva suggerito due siti di atterraggio, di cui la Baia dei Porci è il più remoto. I sommozzatori che guidano la forza d'invasione sono ancora più sorpresi quando individuano delle luci e una jeep dell'esercito sulla spiaggia, che prontamente segnala le incursioni. Non si può comunque parlare di sorpresa: i cubani si aspettano l'invasione.

La segretezza è fallita: quattro giorni prima dell'invasione, «Radio Mosca» aveva riferito ufficialmente di un'imminente azione della CIA. E anche se i bombardieri statunitensi con le false insegne cubane bombardano i campi d'aviazione dell'Isola il 14 e 15 aprile, la Brigata 2506 incontra resistenza non solo a terra, ma anche in mare e in aria: dopo circa 24 ore, le forze armate rivoluzionarie di Castro lanciano una controffensiva.

Forza d'invasione sbaragliata

Nonostante le pesanti perdite, i carri armati cubani T-34 sostenuti dall'artiglieria pesante avanzano rapidamente, nel frattempo, alle due del mattino del 18 aprile, il vertice sovietico invia un telegramma a Washington con un avvertimento: Nikita Khrushchev non tollererà l'interferenza diretta delle truppe statunitensi a Cuba. A partire dal 19 aprile, quelli che rimangono della Brigata 2506 iniziano il loro ritiro.

Degli oltre 1'400 uomini, circa 1'200 vengono catturati - e diversi di loro giustiziati. 118 esuli cubani vengono uccisi durante lo sbarco. Sette aerei e due navi vengono distrutti, mentre l'altro schieramento ha perso solo due aerei. Le Forze Armate Rivoluzionarie piangono 176 vittime, e il numero di morti e feriti all'interno della milizia cubana si dice sia una stima approssimativa di 2000.

Nonostante il fallimento, l'invasione catastrofica non ebbe conseguenze personali per JFK: la sua popolarità anzi, addirittura, aumentò. Ma il prezzo politico è alto: il colpo di Stato impedito spinge Cuba ancora di più nelle braccia dell'Unione Sovietica e porta poco dopo alla crisi dei missili di Cuba, che spinge il mondo verso l'abisso della guerra nucleare.

Solo allora John F. Kennedy dovrà davvero dimostrare il suo valore: sarà il battesimo del fuoco del giovane presidente democratico.