Il laboratorio che ha scoperto Omicron: «C'era qualcosa di diverso nei nostri test PCR»

ATS / uri

12.12.2021

Omicron
Omicron
Omicron

Il laboratorio privato Lancet di Johannesburg analizza ogni giorno migliaia di test PCR. A novembre, hanno notato 22 campioni sospetti e così si sono imbattuti nella nuova variante del Covid, l'Omicron.

ATS / uri

12.12.2021

Nessun accesso, alto rischio di infezione: decine di biochimici, virologi e tecnici analizzano 18.000 test PCR al giorno in un edificio del laboratorio privato Lancet a Johannesburg. È qui che hanno trovato la nuova variante del Covid, l'Omicron.

All'inizio di novembre, questi scienziati hanno fatto la loro scoperta che ha sorpreso il mondo e che ha scatenato i timori d'essere all'alba di una fase ancora peggiore della pandemia.

Ventidue test positivi, principalmente in provenienza dalla capitale Pretoria, hanno attirato l'attenzione della capo virologa Eftyxia Vardas e del suo team. «Abbiamo notato che qualcosa era diverso nei nostri test PCR», spiega Vardas in camice bianco e mascherina. I test più comuni per rilevare il coronavirus mirano a tre geni. 

Un gene che non appare più

Un mese fa, tuttavia, gli scienziati sono stati sorpresi nel scoprire che uno dei tre geni non appariva più nei risultati positivi. «All'inizio non eravamo sicuri di cosa fosse, se fosse una variante esistente o una nuova», dice la virologa.

All'epoca, c'erano quattro varianti del virus classificate come «di preoccupazione»: la Delta, che attualmente domina in tutto il mondo, l'Alpha, la Beta e la Gamma. Il team di scienziati non voleva dare un falso allarme.

«Abbiamo impiegato circa una settimana per raccogliere altri campioni e poi un'altra settimana per sequenziarli», dice Vardas. Il sequenziamento è un processo lungo e costoso che permette agli scienziati di decodificare il genoma del virus.

«C'è qualcosa che non va»

«Ma allora eravamo abbastanza sicuri che qualcosa non andava», continua la scienziata. «Si è rivelato essere un virus completamente diverso».

Vardas era convinta che il virus alterato fosse la ragione dell'aumento esponenziale delle infezioni in Sudafrica e ha inviato i suoi risultati e campioni alle autorità sanitarie.

Il National Institute for Communicable Diseases (NICD) e il rinomato Krisp Genome Research Institute hanno continuato a indagare.

Il 25 novembre, il Sudafrica ha annunciato ufficialmente l'emergere di una nuova variante del coronavirus con un numero insolitamente grande di mutazioni. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha classificato l'agente patogeno con il nome scientifico B.1.1.529 come una «variante di preoccupazione» un giorno dopo e gli ha dato il nome Omicron.