Il mutante viaggia con successo

Di Uz Rieger

11.6.2021

Turisti britannici all'aeroporto di Faro, in Portogallo, prima del volo di ritorno a casa il 5 giugno 2021. Decine di migliaia hanno interrotto le vacanze in Portogallo dopo che il governo britannico ha emesso un requisito di quarantena per il Portogallo a causa della variante Delta del virus corona. (Archivio)
Turisti britannici all'aeroporto di Faro, in Portogallo, prima del volo di ritorno a casa il 5 giugno 2021. Decine di migliaia hanno interrotto le vacanze in Portogallo dopo che il governo britannico ha emesso un requisito di quarantena per il Portogallo a causa della variante Delta del virus corona. (Archivio)
KEYSTONE

Dopo un lungo periodo di restrizioni, alcune persone non vedono l'ora di tornare a passare delle vacanze estive all'estero. Ma ci sono ancora delle insidie, come mostra uno studio svizzero. «blue News» ha chiesto alla co-autrice Emma Hodcroft di parlarne.

Di Uz Rieger

11.6.2021

«Siamo sulla buona strada: le infezioni sono in netto calo, la vaccinazione sta facendo rapidi progressi», ha twittato il consigliere federale Alain Berset all'inizio della settimana, incoraggiando non da ultimi tutti coloro che vogliono tornare alla normalità anche in vacanza e stanno pensando di viaggiare all'estero.

Ma anche se la Svizzera, come molti Paesi vicini, è sulla strada giusta, ci sono segnali di avvertimento. Il Regno Unito, dove il 54% degli adulti britannici è stato vaccinato completamente e più del 77% ha ricevuto almeno la prima dose, è sull'orlo di una terza ondata. O almeno questo è ciò che molti esperti temono.

Il numero di persone ricoverate per Covid-19 sull'isola è recentemente aumentato di nuovo bruscamente a più di 1.000 per la prima volta da metà maggio, riferisce la BBC. Anche l'incidenza a 7 giorni è salita di nuovo a circa 49, dopo essere stata poco sopra i 20 per settimane.

La variante 20E ha viaggiato dalla Spagna a tutta l'Europa

Una ragione per lo sviluppo negativo è la variante Delta del Covid, che ora è diventata la variante predominante sull'isola. Il mutante originariamente importato dall'India non solo è considerato significativamente più infettivo, ma le vaccinazioni sono anche meno efficaci contro di lui.

Il fatto che tali varianti del virus possano diventare un problema importante, anche a causa dei viaggiatori, è dimostrato da uno studio di ricercatori svizzeri, che è stato pubblicato sulla rinomata rivista scientifica «Nature» all'inizio della settimana.

Per lo studio, il team svizzero con Ema Hodcroft dell'Università di Berna ha indagato su come la variante 20E (EU1), apparsa originariamente in Spagna all'inizio dell'estate del 2020, si sia diffusa in Europa.

L'epidemiologa britannico-americana Emma Hodcroft conduce ricerche presso l'Istituto di medicina sociale e preventiva dell'Università di Berna.
L'epidemiologa britannico-americana Emma Hodcroft conduce ricerche presso l'Istituto di medicina sociale e preventiva dell'Università di Berna.
Oliver Hochstrasser/CC BY-SA 4.0

Sono arrivati a una conclusione sorprendente: secondo gli scienziati, il successo del mutante non era dovuto al fatto che fosse più infettivo del tipo originario del nuovo coronavirus. Ciononostante, secondo il sequenziamento, ha raggiunto una percentuale elevata di circa il 30% in Svizzera al suo apice, mentre era addirittura dominante in alcune parti dell'Europa occidentale.

Dominante senza essere più trasmissibile

La ragione della rapida diffusione della variante era infatti in gran parte dovuta alla mobilità umana, come ha spiegato Ema Hodcroft a «blue News»: «Abbiamo scoperto che dalla Spagna - dove si è inizialmente diffusa - è stata in grado di diffondersi in tutta Europa attraverso i viaggi per le vacanze estive e il rilassamento delle misure». Questo, a sua volta, significava che c'erano «molteplici introduzioni di 20E nei paesi di tutta Europa, dove è stato poi in grado di diffondersi», ha detto Hodcroft.

Gli scienziati concludono che «la ripresa dei viaggi e la mancanza di indagini efficaci e di contenimento» possono rendere una variante rapidamente dominante anche quando «non ha un vantaggio sostanziale di trasmissione in situazioni epidemiologiche favorevoli», scrivono del loro studio.

Nel caso della variante 20E, che apparentemente non aveva vantaggi decisivi rispetto ad altri mutanti del Covid-19, il volo impennato è stato finalmente fermato da solo: è stato sostituito da altre varianti.

Nel frattempo, il virus continua a mutare allegramente. E come mostra la variante delta in Gran Bretagna, nuovi mutanti possono, in determinate circostanze, stabilirsi rapidamente. Non molto tempo fa, la variante alfa (B.1.1.7), trovata per la prima volta in Gran Bretagna, era predominante nelle isole britanniche, dove continua ad esserlo.

Vaccinazioni e più test come grandi vantaggi

Per quanto riguarda i prossimi viaggi di quest'estate, l'esperta Hodcroft vede due vantaggi decisivi rispetto allo scorso anno: «Vaccinazioni e molti più test». I test ora fanno molto più parte dei viaggi di vacanza, dice. Ciò renderebbe più facile per i Paesi rifiutare l'ingresso a coloro che sono risultati positivi. Rende anche più probabile che i rimpatriati che risultano positivi al test saranno più disciplinati nel rispettare la loro quarantena che se fosse obbligatoria di per sé, dice.

Le vaccinazioni avrebbero anche un effetto chiaro, perché hanno ridotto «il rischio di essere infettati e portare a casa un'infezione in modo significativo», afferma Hodcroft. Tuttavia, questo non è un motivo per sentirsi al sicuro. Infatti, «tutte le persone sono lontane dall'essere completamente vaccinate, e né la vaccinazione né i test sono perfetti».

Bisogna quindi restare vigili «e tenere d'occhio i possibili effetti del viaggio sull'introduzione di infezioni da Sars-CoV-2». Inoltre, deve essere garantito che siano in atto programmi di test e tracciamento per prevenire la trasmissione di infezioni nei casi al rientro nel paese.

I consigli dell'esperta

Hodcroft ha diverse raccomandazioni di sicurezza per coloro che desiderano viaggiare. Prima di tutto, ci si dovrebbe vaccinare in tempo prima di iniziare a viaggiare. Fa un'enorme differenza in termini di rischio di infezione. Tuttavia, si deve tenere presente che questa non è una protezione al 100% e si dovrebbe agire di conseguenza.

Quindi, invece di recarsi in una località di villeggiatura classica e pulsante, sarebbe meglio prendere in considerazione, per questa volta, una destinazione meno conosciuta e di trascorrere più tempo all'aperto che al chiuso.

«Infine, se qualcosa sembra troppo rischioso per te, non aver paura di cambiare i tuoi piani», consiglia Hodcroft. Questo vale, ad esempio, se ci sono molte persone in mezzo alla folla o se le persone non aderiscono alle misure d'igiene. In questi casi: «Torna in un momento meno affollato o scegli un'attività completamente diversa». Sono quelle piccole cose che fanno una grande differenza.

Nonostante tutti gli avvertimenti di cautela, Hodcroft è fiduciosa che l'aumento dei test e l'aumento dei tassi di vaccinazione quest'estate mostreranno effetti sui viaggi. Tuttavia, non ci si dovrebbe accontentare.

In futuro, i viaggiatori risultati positivi dovrebbero essere sequenziati in modo coerente per scoprire quali varianti potrebbero essere state introdotte in Svizzera. Queste informazioni devono poi essere collegate al luogo di origine per riconoscere se varianti preoccupanti provenienti da determinati luoghi raggiungono la Svizzera.