Kentucky, una variante del Covid si diffonde nonostante la vaccinazione

ATS

22.4.2021

Ok dell'Oms alla convalida di emergenza per il vaccino anti-Covid Pfizer-BioNTech, passo importante per garantire un accesso universale.
Un'ampolla con il prezioso siero prodotto dalle due aziende Pfizer-BioNtech in un'immagine d'archivio.
KEYSTONE/EPA/ADAM WARZAWA

I casi di Covid-19 sono esplosi a marzo in una casa di cura negli Stati Uniti, sebbene i residenti fossero vaccinati per oltre il 90%. Lo rivela uno studio del CDC.

ATS

22.4.2021

Nella vicenda è implicata l'introduzione di una variante di SARS-CoV-2 nella struttura sanitaria da parte di un membro del personale non vaccinato. Il virus si è poi diffuso nella casa di riposo in Kentucky, infettando 44 persone, di cui 24 residenti e 20 membri del personale infermieristico, di cui 18 e 4, rispettivamente, avevano già ricevuto due dosi del vaccino Pfizer.

Lo indica uno studio pubblicato mercoledì dal CDC, il Prevention Centers And Disease Control, l'ente di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti.

Sebbene «essenziale», la vaccinazione deve essere accompagnata da «un'attenzione continua alla prevenzione e alle pratiche di controllo delle infezioni», sottolineano gli autori della ricerca.

Citano il lavaggio delle mani, lo screening continuo per identificare i casi, l'isolamento delle persone infette e la quarantena dei casi di contatto «indipendentemente dalla vaccinazione».

Personale da vaccinare

Lo studio offre anche un confronto edificante della vulnerabilità delle persone infette, a seconda che siano vaccinate o meno.

Tra i residenti infetti, ad esempio, solo un terzo dei vaccinati ha manifestato sintomi, rispetto all'83% dei non vaccinati. E solo l'11% di quelli vaccinati ha dovuto essere ricoverato in ospedale, rispetto ai due terzi dei non vaccinati. Alla fine, solo uno su 18 residenti vaccinati è morto a causa del virus. Tra i non vaccinati, sei di numero, due hanno perso la vita.

«Per proteggere i residenti delle case di cura, è imperativo che il personale infermieristico, così come i residenti, siano vaccinati», sottolineano quindi gli autori dello studio.