25 anni fa

«La regina ordina il divorzio»

Christoph Meyer, dpa

27.8.2021

Lady D e il principe Carlo
Lady D e il principe Carlo
KEYSTONE

La principessa Diana e il principe Carlo hanno divorziato 25 anni fa. La rottura finale avvenne in un'intervista che Diana fu convinta a rilasciare con delle bugie. Poteva essere tutto diverso?

Christoph Meyer, dpa

27.8.2021

«La regina ordina il divorzio» era il titolo del tabloid britannico «The Sun». Pochi mesi dopo, il 28 agosto 1996, era ufficiale: l'erede al trono, il principe Carlo e la principessa Diana, la presunta coppia da sogno dei reali in Gran Bretagna, divorziarono.

Non è stata una sorpresa. L'idillio della famiglia reale modello, con i due figli William e Harry, era stato infranto molto prima. La coppia era già separata da più di quattro anni. Carlo aveva ammesso pubblicamente di aver tradito la moglie dopo che il matrimonio si era «irrimediabilmente rotto». Gli inglesi se ne erano accorti da tempo.

Il fattore decisivo per il passo finale, tuttavia, fu che Diana si tolse la frustrazione di dosso in una sensazionale intervista esclusiva alla BBC, trasmessa in prima serata nel novembre 1995, che attirò circa 23 milioni di persone solo in Gran Bretagna.

Diana in TV descrisse come si era sentita  lasciata sola dalla famiglia reale di fronte ai media prima e poi come si era sentita completamente sabotata dopo la separazione e deliberatamente danneggiata nella sua reputazione, anche per invidia della sua popolarità, come scoprì in seguito. Espresse pure dubbi sulla capacità di Carlo di succedere un giorno a sua madre.

La regina chiede il divorzio al più presto

«Eravamo in tre in questo matrimonio, quindi era un po' stretto», disse davanti alle telecamere. Si riferiva alla relazione del marito con Camilla Parker-Bowles. Fu una violazione scandalosa del tabù e fu troppo per i reali: poco dopo ricevette una lettera scritta a mano dalla regina Elisabetta II che chiedeva un «divorzio anticipato». Lo strappo era completo.

Più di 25 anni dopo, un'inchiesta ha scoperto che Diana era stata vittima di manipolazione durante l'intervista. Il giornalista della BBC Martin Bashir aveva presentato al fratello di Diana, Charles Spencer, degli estratti conto bancari falsificati che avrebbero dovuto provare che Diana era spiata da persone a lei vicine. La principessa, che era considerata paranoica e che sospettava rivali e cospirazioni contro di lei ovunque, si sentì confortata nelle sue credenze e confessò i tradimenti del marito.

L'intervista aveva dato un «contributo sostanziale» al deterioramento della relazione dei suoi genitori, ha detto William in un video messaggio dopo che il rapporto è stato pubblicato nel maggio di quest'anno. «È mia opinione che il modo fraudolento in cui l'intervista si è svolta abbia sostanzialmente influenzato ciò che mia madre ha detto», ha continuato il 38enne.

Il comportamento del giornalista aveva contribuito significativamente alla sua ansia, paranoia e isolamento, ha raccontato William. Per lui è particolarmente doloroso che sua madre non abbia mai saputo la verità. Una prima indagine interna su come èaveva avuto luogo l'intervista aveva scagionato il giornalista dalle accuse che già circolavano all'epoca.

William voleva aiutare

Secondo i vari dossier, Diana ricevette 17 milioni di sterline (circa 21 milioni di franchi svizzeri) come pagamento una tantum nel corso del divorzio e diverse centinaia di migliaia di sterline all'anno per mantenere le sue attività di beneficenza. Ma si dice che l'abbia colpita duramente il fatto di aver perso il titolo di «Altezza Reale». Secondo i documenti, un maggiordomo sentì William che cercava di consolare sua madre. «Non preoccuparti, mamma, te lo restituirò quando sarò re», avrebbe detto l'allora 14enne.

Ma William, ancora secondo nella linea di successione al trono come allora, non potrà mai mantenere questa promessa. Sua madre, che voleva essere ricordata come la «Regina di Cuori», morì solo un anno dopo. Stava fuggendo dai paparazzi con il suo fidanzato Dodi Al-Fayed quando la loro auto si è schiantata in un tunnel di Parigi.

La relazione con Carlo avrebbe potuto essere ancora salvata se l'intervista alla BBC non avesse avuto luogo? Presumibilmente no. Dopo tutto, la coppia era già molto in disaccordo in quel momento. In effetti, si dice che il rapporto si sia anche un po' rilassato dopo il divorzio.

Ma il fratello di Diana, Charles Spencer, crede che sua sorella potrebbe essere ancora viva se non avesse perso la fiducia in tutto il suo ambiente in quel momento a causa delle bugie del giornalista. Quando è morta, era «senza alcuna forma di protezione», ha detto Spencer in un'intervista alla BBC.