Le forti piogge da noi e il caldo estremo in Canada sono correlati

Di Andreas Fischer

11.7.2021

Poiché le correnti a getto sono bloccate negli ingorghi ogni tanto, le aree di alta e bassa pressione non decollano.
Poiché le correnti a getto sono bloccate negli ingorghi ogni tanto, le aree di alta e bassa pressione non decollano.
Studio di visualizzazione scientifica della NASA

Prima le cattive notizie: le condizioni meteorologiche estreme stanno diventando più frequenti, non solo in Nord America, ma anche in Europa centrale. E non sono una coincidenza, come spiegano gli esperti. La buona notizia è che le cose cominceranno finalmente a schiarirsi mercoledì, forse.

Di Andreas Fischer

11.7.2021

Canicola nell'America del Nord occidentale e in Scandinavia da un lato, un'estate fresca e piovosa in Svizzera dall'altro. Eventi meteorologici insoliti, che sembrano verificarsi sempre più spesso. Ma quali sono le cause?

Christophe Voisard, meteorologo di MeteoSvizzera, spiega a «blue News»: «Cruciali sono le onde di Rossby nella corrente a getto polare, una banda di vento a un'altitudine di 9000 a 12.000 metri». Queste onde sono create dall'equilibrio tra l'aria fredda polare e le masse d'aria calda subtropicale.

Le correnti a getto, chiamate in gergo jet stream, sono forti venti fino a 500 chilometri all'ora che circondano il globo da est a ovest. Il jet stream del fronte polare, che determina il tempo nell'emisfero settentrionale, sta attualmente facendo venire il mal di testa agli esperti. Normalmente, la corrente a getto corre più a nord, a circa 60 gradi di latitudine nord. 

Il jet stream è bloccato

I ricercatori stanno registrando sempre più condizioni meteorologiche in cui la corrente in quota diventa più ondulata: la corrente a getto si sposta, balbetta e può persino incepparsi. Nel 2018, ad esempio, un jet stream insolitamente ondulato è rimasto bloccata in un punto. Il risultato: il caldo si è accumulato in tre regioni sotto le onde: in Europa, Giappone e negli Stati Uniti occidentali.

«Quest'anno, il percorso della corrente d'alta quota si è anche spostato verso sud ed è rimasto bloccato sopra l'Europa per diverse settimane», dice Voisard. Lì, le onde della corrente a getto «formano una specie di bacino, con aria polare da un lato e aria subtropicale dall'altro».

Alla domanda se è normale che la corrente a getto sia così a sud, Voisard ride brevemente: «Cosa è normale?». È vero, dice, che non ci sono state estati umide e fresche negli ultimi anni, «piuttosto il contrario: abbiamo sofferto di una situazione di alta pressione, per così dire».

Tuttavia, è «molto difficile assegnare definizioni come normale e anormale. Definirei eccezionale però il fatto che le temperature sulla costa occidentale del Nord America raggiungano quasi 50 gradi», dice Voisard. 

Umido e fresco invece di caldo e secco

Attualmente c'è un confine di massa d'aria sopra la Svizzera: «Questo significa che da un lato l'aria umida dal sud viene condotta verso le Alpi. Dall'altra parte, l'aria fredda dal nord forma una specie di rampa», spiega il meteorologo. «Quando queste due masse d'aria si incontrano, c'è sempre una precipitazione, è spesso nuvoloso».

«Se guardo la mappa oggi, vedo un sistema di alta pressione dall'Ucraina alla Russia settentrionale, e sopra la Svizzera c'è questa depressione che porta molte precipitazioni. Poi sull'Atlantico c'è un altro sistema di alta pressione che arriva molto più a nord, fino a sud della Groenlandia».

Si parla di formazione a omega: a seconda di dove si trovano le singole parti dell'omega, è caldo e secco o umido e fresco. Nell'estate del 2018, la Svizzera era a sud dell'arco di Omega: il risultato è stato un'ondata di calore. Quest'anno è il contrario. La situazione meteorologica sull'Europa centrale non è molto estiva in questo momento, ma potrebbe verificarsi nella stessa forma più e più volte. «L'abbiamo sperimentato nel 2014, per esempio», ricorda Voisard.

Il cambiamento climatico rende le ondate di calore 150 volte più probabili

Negli Stati Uniti, invece di posizione omega, si dice Heat Dome, spiega Dominik Schumacher dell'Istituto di scienze atmosferiche e climatiche dell'ETH di Zurigo. Lo scienziato è stato coinvolto in uno studio (download il PDF in inglese) del progetto World Weather Attribution (WWA) che non è stato ancora pubblicato su una rivista specializzata: ricercatori di diversi paesi hanno esaminato il caldo estremo negli Stati Uniti e in Canada.

«Non è facile analizzare tali eventi così rapidamente», spiega Schumacher in un'intervista a «blue News». «La cosa importante da sapere è che le simulazioni che abbiamo usato esistevano già tutte. Abbiamo analizzato i dati esistenti e valutato quanto sia probabile un tale evento nel clima attuale e quanto sarebbe probabile in un clima senza riscaldamento indotto dall'uomo».

Utilizzando i dati misurati, lo studio ha usato tecniche statistiche per trovare che il calore estremo nel Nord America occidentale si verifica circa una volta ogni 1.000 anni. In altre parole, molto raramente. Ma gli scienziati concludono anche che il riscaldamento globale causato dai gas serra ha reso l'ondata di calore 150 volte più probabile.

Se il clima globale continua a riscaldarsi - di due gradi Celsius invece degli attuali 1,2 gradi - un tale evento potrebbe verificarsi ogni cinque-dieci anni. Potrebbe anche essere che qualcosa stia semplicemente cambiando nella regione e che in futuro vi prevarranno temperature ancora più elevate, aggiunge lo scienziato dell'ETH, e ci vede un chiaro avvertimento: «Vale la pena fermare il riscaldamento globale».

Il tempo cupo rimarrà almeno fino a mercoledì

«Gli episodi estremi di calore stanno aumentando - dice Schumacher - eppure non capiamo esattamente se i nostri modelli stanno rappresentando accuratamente il fenomeno». In ogni caso, dice, l'evento è un forte indicatore «che il cambiamento climatico indotto dall'uomo sta giocando un ruolo». Soprattutto perché ci sono già state alcune ondate di calore molto improbabili in tutto il mondo negli ultimi due decenni.

Ciò che avevano tutte in comune era una corrente a getto lenta, un jet stream. Quando il vento di alta quota ha meno forza, non può spostare masse d'aria come al solito. Il risultato è un modello meteorologico stabile e stazionario su larga scala. Diversi studi e osservazioni mostrano che questi omega durano ormai più a lungo: «Posso confermarlo», dice Voisard.

Cosa significa questo per l'estate del 2021 in Svizzera? Quando si muoverà di nuovo il jet stream? «Rimarrà stazionario per alcuni giorni ancora, quindi continueremo ad avere tempo nuvoloso e umido in Svizzera. Potrebbero esserci ancora delle precipitazioni fino a mercoledì. Dopodiché, sembra che la corrente a getto si sposterà di nuovo verso nord e la Svizzera si troverà sotto l'influenza del classico anticiclone delle Azzorre».

Voisard è d'accordo con la conclusione dello studio del progetto WWA, ossia che tali eventi stiano diventando più frequenti a causa del cambiamento climatico: «Le conclusioni dello studio sono coerenti con i modelli climatici».

Ma ammette anche: «Sono un meteorologo da 30 anni, e più lavoro nel servizio meteorologico, più il tempo diventa ordinario per me». Gli eventi insoliti sembrano normali nel tempo, anche se Voisard ha certamente osservato dei cambiamenti e un aumento degli estremi della meteo negli ultimi anni. «Soggettivamente, sembra più caldo e - sì - più estremo».