Giustizia

Un ex allenatore di calcio neocastellano condannato per atti sessuali con fanciulli

ev, ats

22.12.2022 - 15:15

Un ex allenatore di calcio delle giovanili del FC La Chaux-de-Fonds è stato condannato oggi dal Tribunale regionale del litorale e della Val-de-Travers a Boudry (NE) a 22 mesi di prigione sospesi per 3 anni in particolare per atti sessuali con fanciulli di cui si è macchiato tra il 2017 e il 2020. Il Ministero pubblico aveva chiesto tre anni di detenzione di cui uno da scontare.

IMMAGINE ILLUSTRATIVA D'ARCHIVIO
IMMAGINE ILLUSTRATIVA D'ARCHIVIO
© Ti-Press

ev, ats

22.12.2022 - 15:15

La Corte ha riconosciuto in parte i capi d'accusa nei confronti dell'allenatore e avvocato 47enne: atti sessuali con minori e dipendenti, coercizione e vie di fatto.

La sentenza, che non ha soddisfatto appieno alcuna delle parti, è accompagnata da un trattamento terapeutico. Inoltre all'uomo viene vietato a vita di esercitare attività con minori. L'obiettivo è evitare la recidiva, ha detto la presidente del Tribunale Stéphanie Baume.

La difesa ha annunciato l'intenzione di ricorrere al Tribunale cantonale. In particolare, intende poter far valere elementi non presi in considerazione dalla corte.

L'uomo esercitava una «forte influenza» sui ragazzi

Durante i tre giorni del processo svoltosi la scorsa settimana, il Ministero pubblico aveva rilevato un movente «odioso», in quanto l'imputato aveva pensato solo a soddisfare i suoi desideri e impulsi egoistici, distruggendo la vita delle sue vittime.

Secondo il Ministero pubblico l'uomo aveva una «forte influenza» sulle vittime, che si trovavano in una situazione di dipendenza. Tre adolescenti, che all'epoca dei primi fatti avevano tra i 13 e i 15 anni, hanno sporto denuncia.

L'accusato, aveva sottolineato la procura, sceglieva giovani che erano in situazioni delicate e vulnerabili, senza una figura paterna. Li attirava con regali, viaggi per le partite di calcio e offrendo loro un apprendistato, uno stage o lavori saltuari.

I giovani non erano in grado di resistere alle aggressioni dell'uomo, che temevano e consideravano come un padre, aveva dichiarato la procuratrice Sarah Weingart. Le vittime dormivano nello stesso letto o nella stessa stanza dell'imputato, dovevano spogliarsi davanti a lui e fare la doccia o stare nudi. L'imputato insaponava alcune delle vittime, le asciugava, spalmava crema sulle loro parti intime.

Già in tribunale per fatti simili

Il 47enne nel corso del processo aveva respinto tutte le accuse a suo carico.

Nel 2017, l'uomo aveva già avuto a che fare con la giustizia neocastellana per atti simili. Il tribunale cantonale lo aveva poi prosciolto dalle accuse a suo carico, in base al principio di «in dubio pro reo». In primo grado, l'ex allenatore era stato condannato a otto mesi di reclusione sospesi.

ev, ats