Una panoramica

Quali farmaci agiscono contro il Covid-19?

uri

6.9.2021

Immagine d'illustrazione: ricercatori che testano farmaci in laboratorio.
Immagine d'illustrazione: ricercatori che testano farmaci in laboratorio.
KEYSTONE

Esistono dei farmaci contro il Covid-19, ma non tutti funzionano. La Task force della Confederazione ha compilato una panoramica.

uri

6.9.2021

Gli esperti della speciale Task force della Confederazione sul Covid-19 hanno determinato l'efficacia di vari farmaci contro il virus della Sars-CoV-2 sulla base di numerosi studi. Nel loro «Policy Brief», gli esperti sottolineano che le dichiarazioni non rappresentano linee guida di trattamento, le quali dovrebbero essere redatte dalle varie società mediche.

Il desametasone riduce il tasso di mortalità

Per la Task force, il farmaco desametasone, che funziona in modo simile all'ormone cortisone ed è in realtà un farmaco per l'artrite reumatoide o l'asma, rimane parte del trattamento standard delle persone ospedalizzate «che hanno bisogno di ossigeno». Secondo diversi studi, il farmaco riduce il tasso di mortalità di «un 17% stimato nei pazienti ospedalizzati e fino al 34% nei casi critici» rispetto al trattamento standard.

Secondo nuovi studi, lo stesso vale per l'anticorpo monoclonale tocilizumab, che è normalmente usato anche per l'artrite reumatoide. Il farmaco riduce la mortalità del 15% ed è raccomandato dall'OMS per i pazienti con insufficienza respiratoria che non rispondono abbastanza rapidamente alla terapia steroidea con farmaci come il desametasone. 

Il Remdesivir accorcia la permanenza in ospedale

L'agente antivirale Remdesivir, originariamente sviluppato contro il virus Ebola, potrebbe anche essere utile, secondo gli esperti. Stando alla task force il farmaco accorcia apparentemente la durata del recupero e la permanenza in ospedale dei pazienti Covid. Il Remdesivir non ha però un effetto sulla mortalità. In Svizzera, il farmaco, per il quale l'OMS dà solo una raccomandazione condizionata per l'uso contro il Covid, «nella routine non è usato».

Effetti positivi nel trattamento dei pazienti affetti da Covid potrebbero essere possibili anche con il farmaco per l'asma Budesonide, che è un derivato del cortisone. Secondo gli studi, ci si può aspettare una riduzione dei trattamenti ospedalieri o delle visite al pronto soccorso tra il 3% e il 15%. Gli immunosoppressori Baricitinib potrebbero anche migliorare leggermente il processo di recupero. 

L'OMS sconsiglia l'idrossiclorochina di Trump

La somministrazione di plasma di convalescenti (persone che sono guarite dall'infezione da Sars-CoV-2) sembra essere consigliabile solo per pazienti ad alto rischio o persone con un sistema immunitario indebolito, al fine di consentire una risposta immunitaria protettiva. Il trattamento però, per gli esperti, dovrebbe essere somministrato nelle fasi iniziali della malattia.

Altri farmaci e terapie non hanno mostrato miglioramenti significativi nel trattamento, «ma potrebbero essere considerati in alcune situazioni, a seconda dei risultati degli studi che saranno pubblicati» in un prossimo futuro.

Nessun miglioramento è stato riscontrato con la somministrazione dell'idrossiclorochina, per esempio, che è stata promossa anche dall'ormai ex presidente statunitense Donald Trump. Secondo le linee guida dell'OMS, il farmaco, originariamente inteso per il trattamento orale dell'artrite reumatoide, non dovrebbe essere usato in pazienti ospedalizzati malati di Covid-19 di qualsiasi gravità.