Quando l'America uccise il suo arcinemico...

Philipp Dahm

2.5.2021

Per dieci anni gli Stati Uniti gli hanno dato la caccia. E poi dieci anni fa lo zio Sam colpisce: il 2 maggio 2011, un commando ha ucciso Osama bin Laden, l'uomo più ricercato del mondo.

Philipp Dahm

2.5.2021

Sono passati dieci anni da quando il presidente statunitense Barack Obama si è presentato davanti alle telecamere e ha annunciato la morte del nemico pubblico numero uno: gli Stati Uniti hanno rintracciato e fatto fuori Osama bin Laden in Pakistan.

La caccia stessa ha richiesto dieci anni (la galleria di immagini qui sopra racconta come Washington ha trovato il terrorista). Nella sorveglianza del suo nascondiglio, fin dall'inizio, la CIA ha fatto tutto il possibile, utilizzando mezzi e risorse imponenti.

Gli agenti si spacciano per medici che vogliono eseguire le vaccinazioni contro l'epatite per ottenere campioni di DNA dai residenti della casa dove sospettano si trovi il saudita. Rendono così un cattivo servizio ai veri operatori sanitari: i veri medici da allora in poi lamentano una grande sfiducia della popolazione in Pakistan in rapporto alle campagne vaccinali.

L'operazione della CIA è possibile solo perché un medico pakistano avvia la falsa campagna di vaccinazione: il dottor Shakeel Afridi. Le autorità pakistane, che sono molto a disagio con la storia di bin Laden, lo arrestano qualche settimana dopo l'operazione.

La pedina: in isolamento per dieci anni

Anche se non ci sono accuse ufficiali contro Afridi in relazione all'uccisione di bin Laden, l'uomo finisce davanti a un tribunale tribale, che lo condanna, in base a una legge dell'epoca coloniale che vieta la cooperazione con agitatori stranieri. La sentenza: 33 anni di prigione. Dopo il processo, il medico è stato messo in isolamento nella prigione di massima sicurezza di Sahiwal.

Gli Stati Uniti hanno protestato contro la sua condanna, ma finora non è successo nulla. «Viene tenuto in prigione solo per insegnare a tutti i pakistani che non si collabora con le agenzie di intelligence occidentali», ha detto all'agenzia di stampa AFP Husain Haqqani, già ambasciatore del Pakistan negli Stati Uniti. «Invece di ammettere la presenza di bin Laden nel Paese, il dottor Afridi è stato reso un capro espiatorio».

L'idra dell'estremismo

Joe Biden, nel frattempo, ha annunciato il ritiro dall'Afghanistan, dopo 20 anni di guerra. Quello che succederà al Paese a settembre quando la Nato non ci sarà più è scritto nelle stelle.

L'Al Qaeda di Bin Laden è stata notevolmente indebolita, ma altri gruppi radicali come il cosiddetto Stato Islamico hanno prontamente riempito il vuoto. La lotta contro l'estremismo non è ancora finita. La missione di dieci anni fa rimane una vittoria di tappa.

Il dottor Shakeel Afridi, qui in una foto del luglio 2010, ha pagato un prezzo molto alto..
Il dottor Shakeel Afridi, qui in una foto del luglio 2010, ha pagato un prezzo molto alto.
AFP