«Stanno distruggendo tutto»

Di Philipp Dahm

19.6.2021

Donald Trump (a sinistra) parla su Fox della performance
Donald Trump (a sinistra) parla su Fox della performance "debole" di Joe Biden (al centro) all'incontro con Vladimir Putin a Ginevra.
Screenshot Youtube

Dopo il vertice di Ginevra, Donald Trump ha commentato il lavoro del suo successore con parole poco calorose. In una «intervista» l'ex presidente si scaglia anche contro i media, le elezioni e i mulini a vento.

Di Philipp Dahm

19.6.2021

«Stanno costruendo mulini a vento ovunque per rovinare il nostro paese e uccidere i nostri uccelli», dice Donald Trump. Di nuovo! E colpisce ancora una volta: «Stanno distruggendo tutto». Come mai l'ex presidente parla ancora di sottotema nello show della Fox «Hannity»?

In realtà, Trump sta raccontando all'ospite una storia contraddittoria sulla Russia, che lo porta in Germania: ha detto alla cancelliera Angela Merkel che Berlino deve pagare di più per la protezione. Una truppa da 60.000 uomini sono lì, ha detto, e la Germania «ci sta facendo una fortuna».

«Nessuno ha mai sentito parlare di Nord Stream» prima di sposare la causa. Quel gasdotto porta di nuovo il 75enne al controverso oleodotto Keystone XL, la cui approvazione è stata revocata da Joe Biden come uno dei suoi primi atti in carica. Ciò ora minaccia l'approvvigionamento energetico degli Stati Uniti, dice Trump. Da qui, l'instancabile lottare contro i mulini a vento.

Se Donald Trump è Don Chisciotte, Sean Hannity è il suo Sancho Panza. Anche se il canale Fox non è esattamente noto per i resoconti critici sui conservatori, non c'è davvero nessuna traccia di un'intervista qui. 

«Il giornalsita» della Fox Sean Hannit sulla conferenza stampa di Biden a Ginevra: «Sembra che il nonno si sia arrabbiato con i giornalisti».
Screenshot: YouTube

Il giornalista lo asseconda

Il moderatore, che si suppone sia molto vicino al suo ospite, non agisce come un interrogatore, ma piuttosto come una spalla. Una specie di: «Sei stato accusato di questo, ma poi i tuoi critici hanno fatto questo e quello. Quanto è mendace questo?». E nonostante questa giovialità servile, il tutto culmina nel seguente dialogo:

Trump: «Non abbiamo più una stampa libera. Che vi piaccia o no. E mi addolora dirle questo, perché lei ha una salda fiducia nella stampa, anche se è stata molto criticata. Ma non abbiamo più una stampa libera e corretta».

Hannity: «Vorrei aver pensato a delle «fake news», ma quello che ho detto nel 2007 è che il giornalismo è morto negli Stati Uniti. E non credo di essermi sbagliato. Penso che probabilmente l'ho sottovalutato». 

«Nessuno poteva crederci»

Resta il segreto di Sean Hannity su come superare la morte. E Donald Trump dovrebbe parlare a un blogger bielorusso come Roman Protasevich o Aexey Navalny, che è imprigionato in Russia, dei presunti media controllati.

A proposito, il vertice di Ginevra è, naturalmente, anche un argomento su «Hannity». «Abbiamo preparato un grande palcoscenico per la Russia, e non abbiamo ottenuto nulla in cambio», dice il magnate immobiliare di New York. E anche se è stato dimostrato che l'ingerenza di Mosca nella campagna elettorale americana lo ha favorito, Trump ribalta la situazione senza ritegno.

«C'era un tale senso di colpa e sono successe cose così terribili. Hanno spiato la mia campagna. Sai, se ci pensi, all'inizio... Quando ho annunciato che la mia campagna era stata spiata, è stato uno dei momenti più importanti. Era... Nessuno poteva crederci»

Trump, la vittima

E nonostante questa narrazione già erratica e bugiarda, l'uomo può fare di meglio: «Si è poi scoperto che non ero solo spiato, qualcosa di peggio che essere spiato. Ma non hanno fatto nulla. E per me, questa è una cosa terribile per il nostro paese».

La «conferenza stampa» di Trump su «Hannity» continua in questo stile. Non ha mai interferito con le indagini del Dipartimento di giustizia, dice l'appassionato golfista. Inveisce contro il figlio di Joe Biden, Hunter, che si è seduto nel Consiglio di amministrazione di una società energetica senza avere un'idea dell'industria, incurante del fatto che lui stesso ha liberamente coinvolto i suoi figli e i loro partner nel suo governo.

Una cosa di famiglia: Seul il 29 giugno 2019: Donald Trump (a destra) con la figlia Ivanka e il genero Jared Kushner (al centro) in visita di stato in Corea del Sud.
Una cosa di famiglia: Seul il 29 giugno 2019: Donald Trump (a destra) con la figlia Ivanka e il genero Jared Kushner (al centro) in visita di stato in Corea del Sud.
EPA

«E poi la pandemia ci ha colpito», racconta Trump. «E nessuno ha fatto un buon lavoro come noi». Nota con soddisfazione che non sembra più impossibile che il virus abbia avuto origine in un laboratorio. E poi implica immediatamente che potrebbe anche essere stato diffuso deliberatamente.

«Il Canada ci tratta molto, molto male»

L'ex presidente torna anche a Vladimir Putin. «Andavo molto d'accordo con lui», dice. E poi: «Nessuno è stato più duro con la Russia». Altri stati sono peggio. «Posso dire per esperienza personale che il Canada è molto, molto cattivo». E «ora il Canada ci tratta molto, molto male».

E il segmento su Fox probabilmente non sarebbe completo senza un post contro le ultime elezioni. «Scioccante, avremmo dovuto vincere facilmente con 64 milioni di voti, e abbiamo ottenuto 75 milioni di voti, e non abbiamo vinto. Ma vediamo cos'altro succede».

Deve essere chiaro a Donald Trump quello che sta facendo: trattare una supposizione pre-elettorale apparentemente miope come una garanzia e pretendere che 75 milioni siano più di quegli 81 milioni che ha ottenuto il suo avversario.

D'altra parte il suo comportamento è forse solo coerente: se la stampa non è comunque libera si può continuare a darle in pasto delle sciocchezze.