USA Uccide 22 persone con un fucile semiautomatico in alcune sparatorie nel Maine, killer in fuga

AFP / red

26.10.2023

In questa immagine tratta da un video rilasciato dall'ufficio dello sceriffo della contea di Androscoggin, un tiratore non identificato punta il fucile mentre entra nello Sparetime Recreation di Lewiston, nel Maine, mercoledì 25 ottobre 2023. La Polizia di Stato del Maine ha ordinato ai residenti della seconda città dello Stato di ripararsi in loco mercoledì sera, poiché il sospetto è ancora in libertà.
In questa immagine tratta da un video rilasciato dall'ufficio dello sceriffo della contea di Androscoggin, un tiratore non identificato punta il fucile mentre entra nello Sparetime Recreation di Lewiston, nel Maine, mercoledì 25 ottobre 2023. La Polizia di Stato del Maine ha ordinato ai residenti della seconda città dello Stato di ripararsi in loco mercoledì sera, poiché il sospetto è ancora in libertà.
KEYSTONE

Il killer ha aperto il fuoco con un’arma semiautomatica in almeno due punti, una sala da bowling e un ristorante, a Lewiston, nel Maine. I feriti sono una sessantina. Lo sparatore è ancora a piede libero.

AFP / red

26.10.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Almeno 22 persone hanno perso la vita in alcune sparatorie nello Stato del Maine. I feriti sono oltre 50.
  • Il killer sarebbe stato identificato: si tratterebbe di un istruttore di armi rilasciato da poco da un istituto per persone con problemi mentali.
  • Il soggetto è considerato molto pericoloso ed è ancora in fuga.
  • Per questo motivo la gente è invitata a rimanere chiusa in casa e ad avvisare la polizia qualora avvistassero qualcosa.
  • Le scuole, così come tutte le strutture comunali di Lewiston, rimarranno chiuse oggi.
  • Il presidente Joe Biden ha parlato con diversi eletti locali, tra cui il Governatore.

Almeno 22 persone sono morte mercoledì sera in diverse sparatorie nello Stato del Maine, nel nord-est degli Stati Uniti, secondo le autorità e i media locali. L’uomo armato che ha aperto il fuoco con un fucile semiautomatico è ancora in fuga.

«Abbiamo 22 morti accertati e molti, molti feriti», ha dichiarato alla CNN Robert McCarthy, politico di Lewiston, la città di oltre 36’000 abitanti dove si è verificata la tragedia.

«I nostri ospedali non sono attrezzati per affrontare questo tipo di sparatorie», ha aggiunto, spiegando che sarebbero rimaste ferite tra le 50 e le 60 persone.

Il soggetto è ancora in fuga

Il sospetto è «ancora a piede libero», ha dichiarato la polizia della contea di Androscoggin, che ha diffuso delle foto che mostrano un uomo con un giaccone marrone e pantaloni blu scuro, armato di un fucile semiautomatico.

Secondo la CNN, i massacri sono avvenuti in almeno due luoghi diversi, in una sala da bowling e in un ristorante. Un’altra sparatoria è avvenuta la stessa sera in un centro logistico Walmart, secondo diversi media a stelle e strisce.

Il sospetto è un istruttore di armi con problemi mentali

Il sospettato della sparatoria, stando ai media locali, sarebbe Robert Card, un istruttore di armi da fuoco addestratosi nella riserva dell’esercito americano.

Recentemente Card è stato rilasciato da una struttura di trattamento per problemi di salute mentale. Negli ultimi tempi, secondo indiscrezioni, avrebbe perso il suo lavoro.

Joe Biden ha parlaato con il governatore

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è stato informato dell’accaduto e ha parlato con diversi funzionari eletti del Maine, tra cui il governatore Janet Mills, offrendo tutto il supporto federale necessario, secondo la Casa Bianca.

Le autorità locali, che hanno chiesto ai residenti di rimanere nelle loro case, hanno anche pubblicato una foto di un’auto bianca, chiedendo ai cittadini di contattarle se avessero riconosciuto il veicolo.

Ai residenti è stato ordinato di chiudersi in casa perché l’aggressore è «armato e pericoloso». L’allarme è scattato intorno alle sette di sera: da allora decine di agenti perlustrano quella che fino a poco tempo tempo era considerata una tranquilla cittadina del Maine.

Le scuole rimangono chiuse

«È una situazione orribile. Non abbiamo mai vissuto una vicenda del genere», ha segnalato alla televisione locale una testimone, che vive a Lewiston dal 2012, mentre un funzionario del distretto scolastico ha reso noto su X (ex Twitter) che le scuole pubbliche rimarranno chiuse giovedì.

«Sono inorridito da quanto accaduto a Lewiston», ha dichiarato un alto funzionario statale, Jared Golden, in un comunicato.

Gli Stati Uniti stanno pagando un prezzo molto alto per la diffusione delle armi da fuoco nel loro territorio e per la facilità con cui gli americani vi hanno accesso. Il Paese ha più armi individuali che abitanti: un adulto su tre possiede almeno un’arma e quasi un adulto su due vive in una casa con un’arma.