Un altro Natale sotto il Covid, festa a metà a Betlemme

SDA

25.12.2021 - 10:18

A Palestinian National security unit is deployed in Manger Square, adjacent to the Church of the Nativity, traditionally believed by Christians to be the birthplace of Jesus Christ, ahead of Christmas, in the West Bank city of Bethlehem, Wednesday, Dec. 23, 2020. (AP Photo/Nasser Nasser)
In Piazza della Mangiatoia, adiacente alla Chiesa della Natività, tradizionalmente ritenuta dai cristiani il luogo di nascita di Gesù Cristo a Betlemme.
AP

Nella Piazza della Mangiatoia a Betlemme i pochi cappelli di Babbo Natale e il suono dei tamburi ci ricordano che oggi è un giorno di festa. Ma la folla è scarsa, perché anche quest'anno il Covid ha rovinato i festeggiamenti del 24 dicembre.

SDA

25.12.2021 - 10:18

Secondo la tradizione cristiana luogo di nascita di Gesù, Betlemme di solito vede affluire a Natale migliaia di turisti e pellegrini stranieri. Ma la città della Cisgiordania occupata ha dovuto accontentarsi ancora una volta di celebrazioni ristrette, con Israele – che controlla l'accesso a questo territorio palestinese – che ha chiuso i confini per limitare la diffusione della variante Omicron del Covid-19.

«È così diverso dagli altri anni, quando era affollato», afferma Kristel Elayyan, proveniente da Gerusalemme. «'Oh mio Dio, uno straniero!', pensiamo ora quando ne incontriamo uno», racconta sorridendo questa donna olandese sposata con un palestinese.

Il Natale ai tempi del Covid è «un'esperienza interessante» e «piacevole», ammette, ma non dovrebbe diventare un'abitudine. «Per una città come Betlemme, che dipende interamente dal turismo, la pandemia è stata estremamente difficile. Non vediamo l'ora di rivedere i turisti».

Celebrazioni «certamente più gioiose» del 2020

Il ministro del turismo palestinese Rula Maayah è lieto che quest'anno, «grazie ai vaccini», la città torni a festeggiare dopo un'edizione 2020 ristretta. Nell'omelia per la messa di mezzanotte celebrata nella chiesa di Santa Caterina a Betlemme, l'amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa, ha sottolineato che le celebrazioni sono state «certamente più gioiose» dell'anno precedente.

«Rispetto al Natale 2020, i partecipanti sono molto più numerosi e questo è un segnale incoraggiante», ha dichiarato davanti a un'assemblea interamente coperta dalle mascherine, lamentando però l'assenza di fedeli stranieri. «Preghiamo per loro e chiediamo loro di pregare per noi, affinché questa pandemia finisca presto e la città di Betlemme sia di nuovo piena di pellegrini, come prima».

Nell'attigua Basilica della Natività, i visitatori hanno avuto la possibilità durante il giorno di poter meditare quasi da soli nella grotta dove nacque Gesù. «Surreale», ammette Hudson Harder, uno studente americano di 21 anni. «Egoisticamente, pensiamo che sia bello vedere questo posto così vuoto», ha detto il giovane. «Ma d'altra parte, ci dispiace per i negozi, per i soldi che perdono. È piuttosto tragico».

I numerosi hotel della città sono deserti

I numerosi hotel della città sono praticamente deserti in questi giorni. Alcune attività, pur essendo il giorno più importante dell'anno, non si sono nemmeno degnate di aprire ieri. A pochi metri dalla basilica, davanti a un negozio di souvenir, le effigi dei papi Giovanni Paolo II e Francesco attendono i clienti.

All'interno, Victor Epiphane Tabache festeggia il suo 57mo Natale dietro il bancone del piccolo negozio che pullula di statuine in legno e presepi. Per lui, come per molti commercianti intervistati in giro per la Piazza della Mangiatoia, «non c'è niente da dire sul Natale.

Solo i boy-scout danno l'impressione che sia una festa», si lamenta mentre tamburi, trombe e cornamuse risuonano nella loro sfilata. «La situazione è difficile», spiega l'uomo che ha superato la pandemia solo grazie all'esportazione della sua merce, che nessun cliente è venuto ad acquistare di persona.

«Abbiamo vissuto le intifade (rivolte palestinesi), le guerre. Ma il coronavirus è peggio». Fuori, Maram Saeed fa un selfie di famiglia davanti al grande albero decorato con palline rosse e dorate. Per questo cristiano di Gerusalemme è un giorno di gioia dopo tanti giorni di depressione. «Ma non è ancora un anno normale: temiamo ancora il peggio, abbiamo ancora paura del Covid», afferma. Il coronavirus «è peggio» dei conflitti: «in guerra conosciamo il nemico. Con il Covid parliamo di un nemico piccolissimo, che non vediamo», conclude.

SDA