Attenzione in vacanza Un verme carnivoro si sta diffondendo sulle spiagge italiane

pfi

2.6.2024

Il vermocane si sta diffondendo sempre più nel Mediterraneo.
Il vermocane si sta diffondendo sempre più nel Mediterraneo.
 IMAGO/OceanPhoto

È un animale vorace e carnivoro: il vermocane è sempre più presente nel Mediterraneo grazie alle temperature calde. Si sta diffondendo con particolare rapidità sulle spiagge italiane.

pfi

2.6.2024

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Il vermocane si sta diffondendo nel Mediterraneo.
  • Se si tocca l'animale, le setole penetrano nella pelle.
  • Provocano dolore bruciante, arrossamento della pelle e gonfiore.

Nessun bagnante al mare vuole entrare in contatto con lui: il vermocane (Hermodice carunculata) è un animale marino di circa 30 centimetri che si sente a casa soprattutto sui fondali duri e nelle praterie di fanerogame.

Tuttavia, l'animale può essere trovato anche nella sabbia. Assomiglia a un millepiedi colorato con setole bianche davvero notevoli. Se si toccano queste ultime, esse penetrano nella pelle e si staccano. È quasi impossibile estrarle.

I sottili aculei contengono una secrezione neurotossica e causano dolore bruciante, arrossamento della pelle e gonfiore. Nei casi più gravi, possono anche causare vertigini e nausea.

Nessuna cura in vista

I vermi sono voraci carnivori e possono rigenerarsi. Non hanno praticamente nemici naturali e, secondo gli esperti, si riproducono sempre più velocemente con l'aumento della temperatura del mare. Sono quindi diventati una specie invasiva che minaccia anche altre forme di vita marina.

«Siamo riusciti a isolare una sostanza irritante, ma siamo ancora lontani dal pensare a possibili cure per le punture», spiega Roberto Simonini, fisico dell'Università di Modena e Reggio Emilia, secondo il «Krone».

L'animale si è diffuso enormemente negli ultimi tre anni, soprattutto nei mari delle regioni meridionali italiane di Sicilia, Puglia e Calabria.

I pescatori delle regioni colpite vengono sempre più spesso a contatto con le setole dei vermi. Le ferite devono spesso essere trattate con cortisone. In alternativa, la disinfezione con alcol o aceto può alleviare il dolore.