«Come in un bunker»

Una coppia si trasferisce nella prima casa stampata in 3D in Europa

tsha

25.5.2021

È questo il futuro dell'edilizia? Secondo gli esperti le case fabbricate con la stampante 3D offrono molti vantaggi. Ora la prima del suo genere in Europa è stato occupata.

tsha

25.5.2021

Molte persone sognano di vivere in una casetta in campagna, soprattutto ora che la pandemia non rende necessariamente più attraente la vita nelle città densamente popolate. Elize Lutz e Harrie Dekkers hanno ora realizzato questo sogno, nel modo più insolito che si possa immaginare.

I pensionati di Eindhoven, nei Paesi Bassi, si sono recentemente trasferiti nella loro nuova casa, un edificio che è stato creato quasi interamente con una stampante 3D. Due camere da letto, una superficie abitabile di 94 metri quadrati, 800 euro di affitto al mese, questi i dati chiave del nuovo edificio.

Più emozionante degli interni, tuttavia, è la storia dietro la creazione dell'edificio, che è considerato la prima casa in 3D in Europa. Sotto il nome di «Project Milestone», l'Università tecnica (UT) di Eindhoven sta lavorando con diversi partner sulle case create con la stampante dal 2018, con un totale di cinque strutture da costruire. La casa in cui Elize Lutz e Harrie Dekkers si sono trasferiti è la prima ad essere completata.

Già nel 2015, la UT di Eindhoven ha iniziato la ricerca sui materiali, e due anni dopo è stato costruito un ponte di cemento stampato in 3D per i ciclisti, come riporta il sito 3Ddruck.com.

Molti vantaggi

L'innovativa tecnologia di produzione ha diversi vantaggi. Da un lato, si possono stampare componenti che sarebbero impossibili o molto difficili da produrre con metodi convenzionali. Quasi ogni forma concepibile infatti può essere simulata al computer e infine stampata con il cemento. Soprattutto, però, la stampa 3D permette di risparmiare risorse, poiché è necessaria una minore massa di cemento rispetto agli edifici classici.

La casa che è stata completata, così come gli edifici che non sono ancora stati costruiti, è stata ispirata dalla natura, nonostante l'uso dei mezzi più moderni: i creatori hanno usato blocchi di roccia come modello per l'insolita architettura.

La produzione della casa con la stampante 3D ha richiesto solo 120 ore. Questa tecnica, in cui un braccio robotico usa un ugello per spruzzare una linea di calcestruzzo sopra l'altra, strato per strato, potrebbe permettere in futuro di costruire edifici molto più velocemente di quanto non sia stato fatto finora. La carenza di alloggi, che è diventata un problema sociale in molte città europee, potrebbe essere combattuta in questo modo.

Elize Lutz e Harrie Dekkers, i nuovi residenti di questa casa pionieristica di Eindhoven, hanno inizialmente firmato un contratto d'affitto per sei mesi - e, come mostra la galleria di immagini qui sopra, si sono già messi a proprio agio nella loro nuova casa. «È bellissimo», ha detto recentemente Lutz al britannico «Guardian» a proposito della loro nuova casa. E Dekkers ha aggiunto: «Ci si sente come in un bunker. Ci si sente al sicuro».