Beccata e denunciata Una donna cerca di barare all'esame teorico di guida con una telecamera nascosta

Di Dirk Jacquemien

5.7.2023

Evidentemente lo smartphone non era nascosto abbastanza bene.
Evidentemente lo smartphone non era nascosto abbastanza bene.
Polizia cantonale San Gallo

Dotata di una telecamera nascosta e di cuffie Bluetooth, una donna nel canton San Gallo voleva imbrogliare all'esame di teoria per la patente. Ma è stata scoperta.

Di Dirk Jacquemien

5.7.2023

Hai fretta? blue News riassume per te:

  • Una donna a San Gallo voleva imbrogliare all'esame di teoria per la patente, filmando le domande di nascosto e facendosi dire le risposte negli auricolari collegati via Bluetooth.
  • È stata notata già durante l'esame.
  • Ora la Procura sta indagando per sospetta identificazione fraudolenta.

Secondo la polizia cantonale di San Gallo, una donna di 39 anni ha tentato di imbrogliare all'esame di teoria per la patente di guida in modo particolarmente intelligente, ma anche sfacciato.

Il tentativo d'imbroglio è stato notato durante l'esame a Mels. Dopo essere stata allertata dall'Ufficio della circolazione stradale di San Gallo, una pattuglia della polizia cantonale ha scoperto uno smartphone attaccato al corpo della donna e delle cuffie Bluetooth.

Scoperto anche del denaro contante

La donna, originaria della Macedonia settentrionale, avrebbe filmato le domande dell'esame con la fotocamera dello smartphone e avrebbe poi ricevuto le risposte da una persona sconosciuta tramite le cuffie.

Quando la donna è stata perquisita, sono state trovate anche diverse centinaia di franchi in contanti, che la polizia sospetta fossero destinati a pagare i complici.

La Procura di San Gallo sta indagando la donna, denunciata per sospetto ottenimento fraudolento di un documento.