16 stagioni tra i ghiacci Una donna racconta la sua vita in Antartide, una scelta non per tutti

vab

15.6.2024

Se si vuole lavorare in Antartide bisogna avere la personalità giusta. La vita tra i ghiacci perenni non è per tutti, come racconta una donna americana che ha già passato lì 16 stagioni.

vab

15.6.2024

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Keri Nelson, dello Stato americano del Minnesota, ha già trascorso 16 stagioni in Antartide.
  • Per lei, i ghiacci eterni portano un senso di pace, come racconta alla CNN.
  • Ma per vivere in Antartide bisogna avere la personalità giusta.
  • È importante saper vivere in uno spazio ristretto ed essere in grado di lavorare in gruppo.

La statunitense Keri Nelson, originaria del Minnesota, ha raccontato la sua esperienza in Antartide alla «CNN».

Da quando si è recata per la prima volta nel continente bianco, nel 2007, per assumere il ruolo di custode presso la McMurdo Station - la più grande stazione di ricerca e logistica dell'Antartide, gestita dal Governo degli Stati Uniti - ha completato un totale di 16 incarichi sul posto.

Dice che l'Antartide le dà un senso di calma che non può trovare in nessun'altra parte del mondo.

Nelson condivide le sue avventure su Instagram con il nome di Simply Antarctica. Inoltre, racconta la vita tra i ghiacci eterni nel suo podcast «Antarctica Did That For Me».

Dopo aver iniziato alla McMurdo Station, Nelson ha trascorso del tempo anche alla Amundsen-Scott South Pole Station e alla Palmer Station, entrambe stazioni di ricerca antartiche statunitensi.

Fino a 1000 persone alla Stazione McMurdo

Quando le è stato chiesto di fare un confronto tra le tre diverse stazioni, ha dichiarato alla CNN: «Se dovessi descriverlo in termini musicali, direi che McMurdo è come un bluegrass grintoso e sporco, il Polo Sud come una musica sinfonica e Palmer come una musica pop divertente e smielata».

La stazione McMurdo può essere molto frequentata nei mesi estivi, da ottobre a marzo, quando ci vivono e lavorano fino a 1000 persone. Scienziati, carpentieri, ma anche lavapiatti: c'è bisogno di molta manodopera per far funzionare la base.

«È come una città. Potresti viaggiare per un'intera stagione e non incontrare mai molte persone, ma in queste stazioni c'è molto da fare. C'è sempre molto da fare, molto da fare, molto da fare», racconta Nelson alla CNN.

A McMurdo vivono fino a 1000 persone durante l'estate antartica. La stazione statunitense è la più grande struttura di ricerca e logistica dell'Antartide ed è lontana dalla civiltà. Solo alla Base Scott, in Nuova Zelanda, altre persone vivono e lavorano nelle immediate vicinanze.
A McMurdo vivono fino a 1000 persone durante l'estate antartica. La stazione statunitense è la più grande struttura di ricerca e logistica dell'Antartide ed è lontana dalla civiltà. Solo alla Base Scott, in Nuova Zelanda, altre persone vivono e lavorano nelle immediate vicinanze.
KEYSTONE

Ciò è dovuto in parte alle dimensioni della McMurdo, ma anche alla rotazione del personale, che si sposta da una stazione all'altra durante la stagione o partecipa a spedizioni e viaggi di ricerca.

Un inferno per gli introversi

Pigiama party per cinque mesi, dormitorio per studenti, inferno per gli introversi: sono queste le parole usate da chi ha lavorato in Antartide per descrivere la vita nel continente bianco, secondo la CNN.

Cosa serve per ottenere un lavoro in Antartide? Oltre al giusto curriculum vitae, è molto importante anche non essere restii a vivere in uno spazio ristretto per un lungo periodo di tempo. È necessario avere la personalità giusta per poter affrontare la situazione.

A prescindere dalla bravura di un ricercatore o di uno scienziato, la cosa più importante è la capacità di lavorare in modo affidabile all'interno di un team. Non si vuole farsi dei nemici in questo posto.

Da custode a direttrice di reparto

Nelson ricorda come è arrivata al lavoro in Antartide: dopo essere stata rifiutata come lavapiatti, ha messo in risalto la sua formazione come infermiera e ha fatto domanda per un lavoro come custode, racconta alla CNN.

Da allora, si è fatta strada attraverso varie mansioni fino a diventare direttrice di reparto. Lo stipendio era basso, ma a Nelson non importava. Come scrive la CNN, aveva sempre desiderato vivere in Antartide.

Stare insieme agli altri abitanti tra i ghiacci eterni porta varietà alla vita quotidiana. McMurdo dispone di una sala TV, di una per l'artigianato e di una palestra. La stessa Nelson ha già offerto intrattenimento con sfilate di moda e ha anche suonato nelle Ice Bands.