Il resort Glacier 3000

Botta: «È la prima volta che un rogo distrugge una mia opera»

mp, ats

21.9.2022 - 15:23

L'incendio ha distrutto al Glacier 3000 di Les Diablerets ha distrutto il ristorante concepito da Mario Botta
L'incendio ha distrutto al Glacier 3000 di Les Diablerets ha distrutto il ristorante concepito da Mario Botta
Keystone

«È la prima volta che una mia opera viene distrutta dalle fiamme». Così si è espresso Mario Botta in un'intervista rilasciata al quotidiano romando 24Heures, dopo l'incendio che ha distrutto gli ultimi due piani del resort Glacier 3000 a Les Diablerets (VD).

mp, ats

21.9.2022 - 15:23

Il ristorante progettato dall'architetto ticinese, che si trova al quarto piano è stato gravemente danneggiato, come anche il self-service che è ubicato al terzo. Ieri il rogo è stato completamente circoscritto dai vigili del fuoco.

«Taluni degli edifici che ho concepito, in particolare in Sudamerica, sono stati distrutti dalle guerre, quindi dagli uomini», ha dichiarato Mario Botta. Ma «per il Glacier 3000 [...] mi è difficile capire come un incendio possa partire dal terzo piano di una costruzione fatta di cemento e metallo, a 3'000 metri di altitudine, in piena notte. Quindi in condizioni nelle quali ciò non dovrebbe accadere», ha aggiunto il ticinese.

Secondo il celebre architetto, «Glacier 3000 è stato un progetto fantastico: un filo che vi collega con la vetta della montagna, sui quali i turisti potevano quasi volare. L'ho concepito come se questo luogo grandioso potesse accogliere i suoi visitatori nel suo ventre».

Ma Botta non rinuncia a scoccare una frecciatina ai promotori: «Il progetto ha continuamente cambiato di mani, ha fatto fallimento: si è cercato ben altro rispetto a quello che si era immaginato a priori. Non mi riconoscevo più e non vi sono mai più ritornato», ha spiegato.

«La stagione di un'intera generazione è in pericolo»

«Guardo le foto dell'incendio e leggo: "la stagione invernale è in pericolo"», ha aggiunto Botta, secondo il quale «con il cambiamento climatico, la stagione di un'intera generazione è in pericolo».

L'architetto ticinese si pone allora numerose domande sui «segni di fragilità delle costruzioni moderne». A riprova di ciò, non riesce ancora a capacitarsi dello sgretolamento della bella torre di Moron (a Malleray, nel Giura bernese), un altro dei suoi progetti. I blocchi di pietra collassano uno dopo l'altro, facendo temere un crollo totale dell'opera. «Si tratta di un vero mistero», ha aggiunto il ticinese, che si è recato sul posto per vedere i danni.

Quanto al Glacier 3000, a una domanda di 24Heures se fosse disposto a partecipare alla riparazione futura, o persino alla ricostruzione totale dell'edificio in parte distrutto, Botta ha risposto: «Se mi chiamano e me lo propongono, dedicandovi sufficienti risorse finanziarie che lo consentirebbero, e forse con altri materiali quali il legno ignifugo, allora perché no».

Nessun ferito

L'esatta entità dei danni deve comunque ancora essere stabilita prima di poter prendere in considerazione la ricostruzione, che non avverrà prima del prossimo anno. Anche senza ristoranti, il CEO di Glacier 3000, Bernhard Tschannen si è detto fiducioso che la stagione sciistica possa riprendere come previsto il 5 novembre.

L'incendio è stato segnalato intorno alle 4.30 di lunedì. I soccorritori hanno potuto accedere al resort solo per via aerea. Sono stati mobilitati tre elicotteri di Air-Glaciers e uno della REGA. Una quarantina di vigili del fuoco sono stati elitrasportati sul posto dal comune di Ormont-Dessus, su cui si trova la stazione di Les Diablerets.

Nessuno era nell'edificio al momento dell'incendio e non ci sono stati feriti. La procura ha aperto un'inchiesta e la polizia ha lanciato un appello ad eventuali testimoni. La stazione invernale di Glacier 3000 è intanto chiusa fino a nuovo avviso.

mp, ats