1377 km in 13 giorni

Viaggio da record con l'e-skate da Trento a Budapest

SDA

8.9.2021 - 21:13

Il bolzanino Stefano Rotella portato a termine un'impresa da Guinness dei primati: percorrere con uno skateboard elettrico 1377 chilometri in 13 giorni da Trento a Budapest, toccando sei Paesi.
Il bolzanino Stefano Rotella portato a termine un'impresa da Guinness dei primati: percorrere con uno skateboard elettrico 1377 chilometri in 13 giorni da Trento a Budapest, toccando sei Paesi.
Keystone

Il bolzanino Stefano Rotella ha portato a termine un'impresa da Guinness dei primati: percorrere con uno skateboard elettrico 1377 chilometri in 13 giorni da Trento a Budapest, toccando sei Paesi.

SDA

8.9.2021 - 21:13

Il disegnatore tecnico 35enne si è preparato per due anni all'impresa. Per avere più autonomia possibile ha implementato il suo skateboard elettrico con un kit di conversione elettrica. «Lo skate è arrivato così a una media di 65-70 chilometri», racconta Stefano, che indossa una maglietta nera da skater e porta i capelli tagliati a zero o quasi.

«Ricaricavo le batterie a pranzo e ovunque trovassi una presa perché in media dovevo fare un centinaio di chilometri al giorno. Il mio record è stato di 147 km da Vienna a Gyor, passando per Bratislava», aggiunge con fierezza.

Il bolzanino non è un travel blogger che può contare su facoltosi sponsor, ma da solo ha progettato, finanziato ed eseguito l'intero progetto, avendo tra l'altro a disposizione davvero solo le due settimane di ferie estive. «Ho scelto il tracciato da Trento a Budapest perché ho voluto seguire le ciclabili Eurovelo. Lungo il Danubio non ci sono dislivelli da superare, anzi è tutto in leggera discesa», spiega lo skater.

È partito da Trento e non da Bolzano per aggiungere più chilometri possibili al suo viaggio. «Per lo stesso motivo – aggiunge – a Linz ho fatto una deviazione in giornata in Repubblica Ceca». Stefano viaggiava completamente solo dall'inizio alla fine con uno zaino da 12 chili con tutto il necessario. «Ho incontrato amici a Linz, Vienna e Budapest», racconta.

Il momento più difficile? «Una giornata di pioggia e freddo»

«Il momento più difficile – confessa – è stato una giornata di pioggia e freddo. Era davvero dura, ho avuto qualche esitazione, ma ho portato a casa l'obiettivo». Con una pellicola trasparente da cucina ha protetto l'elettronica del mezzo contro gli spruzzi d'acqua.

E il momento più bello? «Quando nel nulla delle campagne ungheresi ho battuto l'attuale record». Dopo 13 giorni di viaggio, Rotella è arrivato a Budapest. «Nessuno voleva crederci che fossi arrivato con lo skate e non in treno», ride. Ora sta attendendo la notifica del suo record (documentato con gps, foto e video): «Anche il numero di stati attraversati potrebbe essere da Guinness: Italia, Austria, Repubblica Ceca, Germania, Slovacchia e Ungheria».

Stefano sogna già una nuova impresa: percorrere con l'e-skate le Florida Keys, il famoso collegamento stradale sul mare da Miami a Key West.

SDA