«Indigeni arrestati e cacciati», a rischio l'inserimento di un parco thailandese nel patrimonio Unesco

SDA

24.7.2021 - 14:00

Abitanti di villaggi Karen in fuga verso la zona di confine con la Thailandia (foto d'archivio)
Keystone

Esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno esortato l'Unesco a non concedere lo status di Patrimonio dell'Umanità a un parco nazionale in Thailandia, dove hanno affermato che gli indigeni Karen vengono arrestati e cacciati dalle loro terre tradizionali.

SDA

24.7.2021 - 14:00

Gli esperti Onu hanno dichiarato in una dichiarazione – citata dal Guardian – che «questo è un importante caso che crea precedenti e può influenzare le politiche su come i diritti dei popoli indigeni sono rispettati nelle aree protette in tutta l'Asia». «Gli indigeni Karen nel parco nazionale continuano a essere sfrattati con la forza e le loro case bruciate», hanno detto.

L'appello degli esperti indipendenti è arrivato prima della revisione di lunedì da parte di un comitato dell'Unesco, nella quale il governo thailandese chiede lo status di patrimonio per il parco nazionale Kaeng Krachan per la terza volta dal 2016. Cina e Russia sono tra i paesi che sostengono la richiesta thailandese.

Più di 80 indigeni Karen sono stati arrestati quest'anno, 28 dei quali sono stati accusati penalmente di «invasione» delle loro terre nel parco, incluso un bambino, secondo la dichiarazione degli esperti delle Nazioni Unite, aggiungendo che non ci sono state consultazioni in «buona fede» che hanno permesso ai Karen di prendere parte al processo di nomina dell'Unesco.

SDA