Afghanistan

Afghanistan: talebani, non prolungheremo la scadenza del 31 agosto

SDA

24.8.2021 - 16:31

I talebani non permetteranno più ai cittadini afghani di raggiungere l'aeroporto della capitale Kabul, come avvenuto finora. (Immagine d'archivio del 19 agosto)
I talebani non permetteranno più ai cittadini afghani di raggiungere l'aeroporto della capitale Kabul, come avvenuto finora. (Immagine d'archivio del 19 agosto)
Keystone

«Io non credo che prolungheremo la scadenza. Il 31 agosto è un piano degli Stati Uniti che hanno previsto loro. Loro hanno avuto tutte le opportunità e tutte le risorse per portare via tutte le persone che appartengono a loro.»

SDA

24.8.2021 - 16:31

«Noi non prolungheremo la scadenza» per il ritiro completo degli occidentali. Lo ha detto il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid in conferenza stampa.

«Non inseguiamo nessuno, non diamo la caccia a nessuno, non ci sono stati incidenti in nessuna parte del Paese, non abbiamo nessuna lista. Noi vogliamo portare pace e sicurezza nel nostro Paese», ha aggiunto.

Ma i talebani non permetteranno più ai cittadini afghani di raggiungere l'aeroporto della capitale Kabul, le persone dovrebbero tornare a casa, ha sottolineato. «Abbiamo chiesto agli americani di non incoraggiare gli afghani a andarsene. Abbiamo bisogno delle loro competenze».

«L'Emirato islamico sta cercando di controllare la situazione» allo scalo di Kabul. «La strada verso l'aeroporto è stata chiusa, gli afghani non possono più andare lì, possono farlo gli stranieri. Abbiamo impedito ai cittadini afghani di recarsi lì perché c'è pericolo di perdere la vita a causa della calca, e gli americani stanno facendo qualcosa di diverso, quando c'è la calca sparano, e la gente muore. Sparano alla gente. Noi vogliamo che gli afghani siano al sicuro da questo».

Donne potranno lavorare

Mujahid ha anche detto che alle donne afghane non verrà impedito di andare al lavoro permanentemente: «In questo momento è per il loro bene, al momento, per impedire maltrattamenti», ha affermato sottolineando che non hanno perso il posto di lavoro e che i loro salari vengono pagati.

«Nella provincia di Panshir c'è stato un piccolo problema e stiamo cercando di risolverlo, ne stiamo parlando. La nostra politica è di finire la guerra in questo Paese. La guerra è conclusa, non vogliamo nessun tipo di guerra o battaglia in Afghanistan, questa è la nostra politica. Noi cerchiamo di parlare alla popolazione del Panshir, cerchiamo di incontrarli e risolvere il problema. Ci stiamo provando in tutti i modi. Per l'80% la situazione è sotto controllo e vi possiamo rassicurare: i fratelli che sono lì li abbracciamo, chiediamo di tornare a Kabul e convivere con noi. Non abbiate paura, abbiamo obiettivi comuni».

SDA