Il politologo USA

Allison: «Putin non ha alcuna inibizione a uccidere un gran numero di persone»

uri

24.5.2022

Vladimir Putin in arrivo a Ginevra a fine mattinata.
Vladimir Putin in una foto d'archivio.
KEYSTONE

Vladimir Putin ha sbagliato completamente i calcoli del suo attacco all'Ucraina. Ma non sta agendo in modo irrazionale, spiega un politologo di Harvard. E avverte che il presidente russo userebbe certamente la bomba nucleare se temesse per la sua vita.

uri

24.5.2022

Indipendentemente dall'evoluzione della guerra in Ucraina, il grande interrogativo rimane quello di come sia possibile porvi fine, perché la Russia, potenza nucleare, non può essere sconfitta.

In questo contesto, il noto politologo di Harvard Graham Allison spiega in un'intervista allo «Spiegel» che a Vladimir Putin deve essere fatta un'offerta, «una buona ragione dal suo punto di vista», «per poter fermare la guerra».

Secondo Graham, le figure di spicco del Pentagono e della Casa Bianca stanno pensando soprattutto a una domanda: «Putin può perdere questa guerra e, se la sconfitta è inequivocabile, può sopravvivere?». Anche se lui stesso non sa quale sarà la conclusione dei funzionari, la sua è «no». «Penso che abbia ragione nel ritenere che in caso di sconfitta inequivocabile perderà il potere e probabilmente la vita, come lo zar Nicola II nel 1918».

A Putin deve essere fatta un'offerta

In questo caso, Putin passerebbe alla storia della Russia come l'uomo che ha perso l'Ucraina e forse ha causato una rinascita dell'Occidente. Questa non è una buona prospettiva per il capo del Cremlino e allo stesso tempo porta al nocciolo analitico di una domanda: «Se è costretto a scegliere tra questa sconfitta e un'escalation di violenza e distruzione, allora, secondo me, come soggetto razionale sceglierà la seconda».

«Putin non ha alcuna inibizione a uccidere le persone, anche in numero molto elevato», afferma l'82enne Allison citando l'esempio della Cecenia. «Se gli presentiamo la chiara alternativa di perdere tutto o di rischiare, dobbiamo fare i conti con l'uso di un'arma nucleare tattica». Per questo motivo è indispensabile trovare un modo per porre fine alla guerra e per farlo è necessario fare un'offerta a Putin.

Putin potrebbe farne una narrazione per sé e per i russi. Ad esempio potrebbe raccontare che: «Ho consolidato il nostro controllo sul Donbass. Ora abbiamo un ponte di terra verso la Crimea. L'Ucraina non sarà membro della NATO per 15 anni, come ha già detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky», spiega Allison.

Quattro obiettivi di guerra dell'Occidente

Sebbene l'amministrazione di Joe Biden non sia brava a spiegare la sua politica in caso di conflitto, ha quattro obiettivi bellici coerenti e interconnessi, spiega Allison. In primo luogo, l'Ucraina deve rimanere un Paese libero e indipendente, anche se non è chiaro quanto territorio rimarrà occupato dalla Russia per il momento.

Il secondo obiettivo è quello di non scatenare una terza guerra mondiale, cioè che nessun soldato della NATO uccida un russo o viceversa. Il terzo obiettivo è una sconfitta strategica decisiva della Russia, perché il mondo intero deve rendersi conto che una simile invasione non vale la pena. Il quarto obiettivo è rafforzare l'ordine di sicurezza globale.

Anche se questi obiettivi saranno raggiunti, forse dovremo ancora convivere con Putin e il suo popolo, come abbiamo fatto con altri dittatori nella storia, «ma non faranno più shopping a Parigi, non vivranno più a Londra e non navigheranno più con il loro yacht a Nizza».

E l'uso delle armi nucleari?

Per quanto riguarda le richieste di armi pesanti per l'Ucraina, il politologo, che tra l'altro ha diretto la John F. Kennedy School of Government dell'Università di Harvard e ha lavorato come capo della pianificazione al Pentagono, invita alla cautela.

A ogni passo si deve considerare quale reazione potrebbe scatenare. Ma in questo caso, ha detto, gli Stati Uniti, la Germania e gli alleati hanno risposto bene finora: «Si stanno tutti muovendo verso l'alto, ma con molta attenzione e calcolo».

Alla tesi di molti osservatori secondo cui le minacce nucleari di Putin sarebbero tentativi di intimidazione tattica, il politologo risponde: «Spesso provengono da persone che non sanno bene con quale rischio hanno a che fare. Non è ragionevole correrlo».