Gran Bretagna Crisi senza precedenti per l'editoria, l'appello: «Comprate i giornali»

ATS

18.4.2020 - 19:59

Il ministro della cultura britannico Oliver Dowden.
Il ministro della cultura britannico Oliver Dowden.
Source: KEYSTONE/EPA/NEIL HALL

Il ministro della cultura britannico, Oliver Dowden, ha invitato i cittadini ad aggiungere una piccola cosa alla loro 'lista' e di «comprare un giornale», perché l'editoria, ha spiegato, è alle prese «con la più grande crisi esistenziale della sua storia».

Lo riferisce la Press Association. Con la crisi scatenata dalla pandemia da coronavirus la stampa è sotto una pressione crescente, con pubblicità e circolazione in declino.

Taglio dei salari e riduzione del personale

Due dei maggiori gruppi editoriali britannici hanno già tagliato salari e ridotto il personale nell'ultima ondata di interventi nel tentativo di contenere l'impatto della crisi: la 'Daily Mail and General Trust', proprietaria tra gli altri del Daily Mail e di Metro, ha imposto una riduzione di salario a tutti i dipendenti che guadagnino più di 40 mila sterline all'anno.

'Reach', proprietaria di Mirror ed Express, ha avvertito lo staff della possibilità di una riduzione di almeno il 10% degli stipendi per far fronte alle perdite in pubblicità e vendite.

Revocare il blocco della pubblicità

Dowden ha anche chiesto alle aziende di revocare il blocco della pubblicità online associata agli articoli sul coronavirus.

E, in un intervento pubblicato dal Times, ha riconosciuto e lodato il contributo di chi lavora nell'informazione durante la pandemia: «Nonostante gli enormi disagi causati dal lockdown alla produzione e alla distribuzione di notizie, chi lavora nel settore ha mostrato una tenace determinazione», ha sottolineato, «in questo momento il settore dell'informazione sta svolgendo un servizio pubblico vitale».

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS