Biden vince la Georgia e vola a 306 grandi elettori. Trump si ferma a 232

SDA / sam

13.11.2020 - 20:59

Joe Biden si è aggiudicato con ampio vantaggio la presidenza degli Stati Uniti d'America.
sda

I giochi ora sembrano fatti nelle elezioni presidenziali statunitensi.

Joe Biden ha vinto con 306 grandi elettori, dopo che i grandi network americani hanno 'chiamato' gli ultimi Stati chiave, assegnando i bastioni repubblicani dell'Arizona e della Georgia al candidato democratico e la North Carolina a Donald Trump, che si ferma a 232 voti.

Un risultato esattamente opposto a quello del 2016, quando Trump si aggiudicò 306 elettori contro i 232 di Hillary Clinton. Secondo le proiezioni della CNN, Joe Biden ha vinto in Georgia. A Trump invece il North Carolina.

Trump sempre più isolato, in patria e nel mondo

Poco prima Peter Navarro, uno dei consiglieri economici del presidente, aveva assicurato alla Fox che «alla Casa Bianca continuiamo a lavorare presupponendo che Trump avrà un secondo mandato».

Ma 'The Donald', arroccato tra tweet e purghe nell'amministrazione, è sempre più isolato, in patria e nel mondo. E sembra ormai convinto a sopravvivere all'umiliante sconfitta annunciando la sua ricandidatura nel 2024, dopo che sarà certificato il voto a favore del suo rivale.

Una mossa con cui intanto congelerà un campo già affollato di possibili candidati repubblicani e manterrà l'ampio consenso dimostrato anche nella sconfitta (72 milioni di voti), garantendosi magari un redditizio contratto per un libro e onorari per conferenze. Il tutto probabilmente con l'aiuto di una sua tv digitale con cui sostituire la Fox dopo che gli ha girato le spalle.

Altre docce fredde per l'ormai ex presidente

Nelle ore precedenti per lui erano arrivate altre docce fredde. La prima è stata la nota congiunta di diverse autorità elettorali statali e locali, tra cui l'Agenzia della cyber sicurezza e della sicurezza delle infrastrutture (Cisa), che dipende dal Ministero della Homeland Security: «Nessuna prova» di schede perse o modificate o di sistemi di voto violati, «l'elezione del 3 novembre è stata la più sicura della storia degli Stati Uniti», hanno sentenziato, smentendo così le accuse di elezioni fraudolente da parte di Trump.

Poi Pechino ha rotto il suo silenzio: «Rispettiamo la scelta del popolo americano ed esprimiamo le nostre congratulazioni a Joe Biden e alla vice Kamala Harris», ha fatto sapere il Ministero degli Esteri.

Una svolta arrivata all'indomani dell'ordine esecutivo con cui il presidente americano, invocando rischi alla sicurezza nazionale, ha vietato agli americani di investire dall'11 gennaio in 31 società cinesi legate all'esercito di Pechino: nell'elenco ci sono colossi come Huawei, China Mobile, China Telecom, China Railway e Aviation Industry Corporation of China.

Si tratta della prima mossa rilevante dell'amministrazione Usa verso il 'decoupling', la separazione dei mercati finanziari americani da quelli cinesi.

All'appello mancano Bolsonaro e Putin

Nel limbo di chi non ha ancora fatto le congratulazioni a Biden restano ora solo il presidente brasiliano Jair Bolsonaro e quello russo Vladimir Putin. Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha ribadito l'attesa per i risultati ufficiali ma ha anche assicurato che Mosca «lavorerà con qualsiasi presidente sceglieranno gli americani».

Trump comincia inoltre a vedere le prime crepe anche tra i repubblicani. Cresce il numero di senatori favorevoli a garantire a Biden il briefing dell'intelligence, chiesto dal suo team ma bloccato dal presidente insieme a tutte le altre prerogative della transizione.

Esponenti di spicco come Karl Rove, l'architetto della presidenza di George W. Bush e consigliere informale di Trump, lo invitano a «fare la sua parte per unire il Paese guidando una transizione pacifica e mettendo da parte le lamentele», ammonendo che i riconteggi «non ribalteranno i risultati del voto».

Alcuni suoi avvocati, infine, si ritirano dai ricorsi o negano di aver prove di frodi. In Arizona è lui stesso a fare dietrofront mentre in Michigan un giudice ha respinto la richiesta di bloccare la certificazione dei voti a Detroit.

Pagina speciale USA 2020 Tornare alla home page

SDA / sam