Reclutamento forzato nel Donbass

«Ci danno la caccia come gatti randagi»

Di Andrea Moser

19.8.2022

Un separatista filorusso siede davanti alla bandiera dell'autoproclamata Repubblica di Donetsk.
Un separatista filorusso siede davanti alla bandiera dell'autoproclamata Repubblica di Donetsk.
KEYSTONE/AP Photo/Darko Vojinovic

Sono dalla parte del loro Paese, ma devono comunque combattere per il nemico: nelle aree occupate della regione del Donbass, gli uomini ucraini sarebbero sempre più spesso reclutati con la forza dai separatisti filorussi.

Di Andrea Moser

19.8.2022

Un uomo si è nascosto nel suo appartamento per mesi. Non osa più uscire per strada. È troppo grande la paura che venga fermato, controllato e poi dichiarato idoneo al servizio militare. Non per l'esercito del suo Paese, però, ma per i russi. Scene come questa si ripetono nelle Repubbliche popolari autoproclamate di Donetsk e Lugansk.

Gli uomini ucraini sarebbero costretti dai russi e dai separatisti filorussi a combattere contro il loro stesso Paese. Questo è quanto scrive il Guardian, citando prove credibili, tra cui un video girato alla fine di giugno. Mostra un uomo che viene trascinato in un veicolo davanti alla moglie.

Segue uno scambio di parole tra la donna e i due agenti. Uno di loro ha in mano il passaporto ucraino del marito. Uno degli uomini si giustifica dicendo di essere dell'ufficio di leva e che si tratta di una mobilitazione generale. È stato necessario controllare i documenti dell'ucraino.

«Vengono mandati con la forza nell'esercito»

Il video è stato pubblicato su Telegram, dove è stato bloccato poco dopo. Il video è stato inviato a Oleksandra Matwijtschuk, avvocata e attivista per i diritti umani ucraina, che ne ha pubblicato alcune parti su Twitter. «Dal 24 febbraio, gli uomini sono stati fermati per strada, è stato tolto loro il passaporto e sono stati inviati con la forza all'esercito», racconta Matviychuk al Guardian.

«È crudele»

In qualità di responsabile del Centro per le libertà civili di Kiev, Matwijtschuk ha documentato per anni le violazioni dei diritti umani, compreso il reclutamento forzato nelle autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Tuttavia, afferma, fatti del genere sono aumentati notevolmente dall'inizio della guerra in Ucraina.

Matviychuk ipotizza che il video sia stato girato a metà giugno, quando le squadre di leva avevano iniziato una nuova ondata di reclutamenti forzati. Sono stati istituiti posti di blocco sulle autostrade e alle uscite delle città alla ricerca di uomini.

«È crudele. Chiedono agli uomini ucraini di uccidere altri cittadini ucraini», afferma Matviychuk. Stima che un totale di circa mezzo milione di ucraini nella regione del Donbass sia idoneo al reclutamento forzato da parte dei russi.

«Ci stanno dando la caccia»

Il Center for Civil Liberties ha ricevuto lettere di cittadini che chiedono aiuto dalla fine di febbraio. Ad esempio, da un uomo della regione di Lugansk. Per paura di essere reclutato con la forza, si è nascosto nel suo appartamento e non osa più uscire per strada. Le auto di pattuglia hanno cercato uomini per mesi.

«Ci danno la caccia come gatti randagi», cita Matwijtschuk dalla lettera. Anche i combattenti ceceni avrebbero aiutato nella ricerca dei possibili combattenti. Nella sua lettera, l'autore chiede come può ritenere la Russia responsabile in tribunale.

Matviychuk non sa quale sorte sia toccata all'uomo tenuto in ostaggio dai separatisti filorussi nel video. Le immagini si concludono con lui che può andarsene. Ma solo a condizione che si presenti all'ufficio di leva entro due ore, dice Matwijtschuk. Non si sa cosa gli sia successo in seguito.