Guerra in Ucraina

Colloqui di pace? Un esperto dell'ETH: «Ecco perché sono scettico»

Di Philipp Dahm

24.3.2022

Storie di successo con cautela: i separatisti ispezionano un carro armato presumibilmente abbandonato dell'esercito ucraino nella regione di Donetsk il 16 marzo.
Storie di successo con cautela: i separatisti ispezionano un carro armato presumibilmente abbandonato dell'esercito ucraino nella regione di Donetsk il 16 marzo.
EPA

Perché la campagna di Putin in Ucraina è lenta e quali sono le conseguenze? Di quali cifre ci si può fidare e quanta speranza danno i negoziati? blue News ne ha parlato con un esperto dell'ETH. Ecco le sue risposte.

Di Philipp Dahm

24.3.2022

La situazione in Ucraina rimane confusa: blue News ha chiesto al dr. Alexander Bollfrass del Centro per gli studi sulla sicurezza dell'ETH di Zurigo di far luce su alcuni aspetti ancora bui.

Chi è il dr. Alexander Bollfrass?
Il dr. Alexander Bollfrass
zVg

Il dr. Alexander Bollfrass ha studiato scienze politiche a Berkeley, in California, per completare la sua tesi di dottorato all'Università di Princeton. Ha lavorato al Belfer Center e al Davis Center dell'Università di Harvard e a Washington al think tank Stimson Center e l'Arms Control Association prima di trasferirsi al Center for Security Studies dell'ETH di Zurigo.

L'esercito russo non sta in realtà facendo alcun progresso: perché?

Vengono subito in mente tre ragioni. In primo luogo, il presidente russo sembra davvero aver creduto che il Governo di Kiev sarebbe caduto rapidamente e che la popolazione ucraina sarebbe stata grata per il suo intervento. Ma il rapido cambio di regime, come noto, non è avvenuto. In secondo luogo, le forze armate russe sono in uno stato molto peggiore del previsto.

Perché?

Ci sono problemi con la manutenzione e probabilmente anche un problema di corruzione.

E il terzo motivo?

I ranghi inferiori a quanto pare non sono nemmeno stati informati che ci sarebbe stata un'invasione. Ciò ha anche reso difficile per loro prepararsi. La Russia ha quindi semplicemente inviato tutto ciò che aveva oltre il confine all'inizio della guerra, sperando di ottenere effetti rapidi. Ciò non ha funzionato, e ora vediamo la situazione deteriorarsi e le tattiche dell'esercito russo diventare più brutali.

Se l'esercito russo ha portato subito il suo materiale migliore. Il problema della mancanza di manutenzione rischia di avere presto un impatto maggiore, è così?

Sì, penso che sia così.

L'esercito ucraino ha inizialmente reagiro all'invasione, ma ora sta anche lanciando alcune controffensive. Quanto sono efficaci?

È difficile dirlo a questo punto. Molte delle informazioni che otteniamo dal campo di battaglia provengono in realtà dal sistema informativo ucraino: quindi riceviamo tutti i rapporti sui loro successi e vediamo le immagini delle perdite russe. Ma guardando la mappa nel suo complesso, sembra che la parte russa stia guadagnando terreno in modo costante e laborioso. A livello locale, ci può essere un passo avanti e uno indietro in alcuni luoghi, ma a livello più alto, l'enfasi è sull'avanzata russa.

Circolano varie cifre in merito alle perdite: quali sono quelle corrette?

Sfortunatamente, non ho informazioni sicure al riguardo. Ma i servizi segreti statunitensi e britannici hanno pubblicato delle cifre.

Non dovrebbero venire presi con cautela anche questi dati?

Naturalmente, le informazioni di intelligence dovrebbero sempre essere trattate e interpretate con cautela, specialmente quando sono rese pubbliche. Ma le motivazioni della parte ucraina o russa sono chiaramente ovvie quando fanno rapporti particolarmente ottimistici o pessimisti sulle perdite proprie o altrui. Le figure dell'intelligence britannica e americana possono essere anche di parte in qualche modo, ma probabilmente sono più vicine a ciò che sta effettivamente accadendo sul campo.

La Russia non potrebbe semplicemente inviare altre truppe quando le cose vanno male?

La Russia ha ancora molti più soldati ed equipaggiamenti. Teoricamente potrebbe semplicemente ricaricarsi. Ma deve farlo strategicamente: anche la semplice aggiunta di truppe all'ingorgo nel nord verso Kiev non risolverà il problema. Hanno bisogno di portare le loro forze nei posti giusti, e gli ucraini sono molto bravi a negarglielo in questo momento. Alla fine, le risorse della Russia non sono illimitate: hanno obblighi in altre regioni di confine, in Siria e altrove. Alcune delle loro unità migliori sono lì.

Quanto è ottimista in merito agli attuali negoziati di pace?

Al momento non sono troppo ottimista: entrambe le parti vogliono far sembra che stiano facendo uno sforzo onesto nei negoziati diplomatici. Ma alla fine, Putin si è posto il massimo degli obiettivi di guerra. Il tipo di accordo di pace che esisteva prima della guerra è molto meno probabile a causa della sua escalation e del grado di violenza. Piuttosto, ha scatenato in lui la fame di ottenere di più di quanto ci abbia messo dentro.

E gli ucraini?

Credo che questo valga anche per la parte ucraina: avendo subìto così tante perdite e combattendo così duramente per la loro sovranità, è difficile immaginare che cedano alle richieste russe.