Come sta cambiando la commemorazione negli Stati Uniti

Di Ted Anthony, AP

11.9.2021

Cerimonie, preghiere e minuti di silenzio: nell'anniversario degli attacchi terroristici, molti statunitensi si riuniscono nei memoriali nazionali. Ma cosa significa ricordare per milioni di giovani che non hanno vissuto il disastro dell'11 settembre 2001?

Di Ted Anthony, AP

11.9.2021

Le colline di Shanksville sembrano inghiottire ogni suono. L'altopiano è leggermente sopraelevato rispetto al paesaggio e forma un luogo di silenzio, esattamente dove il silenzio è necessario. Milioni di statunitensi vengono qui in Pennsylvania per visitare il National Memorial per le vittime del volo 93. È un luogo che promuove il ricordo.

Sono passati 20 anni dallo schianto dell'aereo della United Airlines. Il caos è scoppiato a bordo nel momento in cui, appena 500 chilometri a est, a New York, le torri del World Trade Center bruciavano. Quasi un quinto della popolazione statunitense è troppo giovane per ricordare in prima persona il giorno che ha cambiato tutto.

Ma il memoriale vicino al luogo dell'incidente non riguarda altro che il ricordo: non solo come stato d'animo, ma come atto attivo. Di fronte alla perdita e al trauma, può assumere molte forme: la gente si riunisce per il ricordo comune nelle cerimonie a Ground Zero, minuti di silenzio e preghiere.

La commemorazione come atto politico

L'atto di commemorazione è anche politico. Questo è evidente sia nel dibattito sui monumenti confederati nel sud degli Stati Uniti che nella disputa sul ruolo che la guerra al terrorismo e il suo tributo dovrebbero avere nella commemorazione dell'11 settembre. Ci sono ricordi personali, culturali e politici, e spesso i confini si confondono.

E per generazioni, il ricordo si è manifestato in monumenti e memoriali come quello di Shanksville. Sono precisamente progettati per evocare ricordi ed emozioni in modi specifici. Ma mentre i memoriali stanno in piedi, il ricordo stesso si evolve nel tempo. Il modo in cui si commemora l'11 settembre dipende dal momento. Che significato ha ancora dopo 20 anni?

«Il nostro presente influenza il modo in cui ricordiamo il passato: a volte in modi familiari e a volte in modi inosservati», spiega Jennifer Talarico, professore di psicologia al Lafayette College in Pennsylvania. Questo è stato chiaramente evidente nelle ultime cinque settimane in Afghanistan. Lì, una guerra di 20 anni che era una reazione diretta all'11 settembre è finita più o meno dove è iniziata: con i repressivi e violenti talebani di nuovo al potere.

Diverse fasi del ricordo

Al contrario, il memoriale del volo 93 incarna una commemorazione più statica. Ma la questione di come si evolve il ricordo è nell'aria anche qui. Nel centro visitatori, i dolorosi manufatti del disastro riportano il passato con un'efficacia sorprendente. Un pezzo di posata piegato e graffiato dell'aereo è particolarmente suggestivo. Ma la varietà dei ricordi nel tranquillo punto panoramico a pochi metri di distanza e il memoriale di successo rimangono ancora più a lungo.

L'architetto capo Paul Murdoch di Los Angeles spiega che il memoriale vuole rappresentare diverse fasi della memoria dell'incidente. Poiché la struttura è destinata a durare, ha deciso contro un approccio «che congela la rabbia nel tempo o congela la paura», dice Murdoch, che ha progettato la struttura con sua moglie Milena. «Ora abbiamo una generazione di persone che non erano nemmeno al mondo l'11 settembre. Come si fa a parlare alle persone di questa nuova generazione o a quelle future?».

Quelli che erano già nati vivevano in parti completamente diverse del paese e del mondo, ma hanno visto le stesse immagini televisive degli attacchi e della distruzione. Hanno vissuto il disastro in modo separato l'uno dall'altro, ma sempre insieme. Così, secondo gli esperti, si è formata una sorta di memoria collettiva.

La memoria diventa storia

Gli eventi non sembrano lontani, ma allo stesso tempo sono diventati da tempo parte della storia: questa tensione è particolarmente evidente nel 20mo anniversario. La memoria diventa storia. E molte persone si aggrappano alla loro versione personale, confortante e nostalgica di questa storia.

Quando la memoria diventa storia, può sorgere allo stesso tempo una maggiore distanza. Nel caso dell'11 settembre, questo non accadrà per molto tempo; la catastrofe ha ancora un impatto troppo forte. E quando tra pochi giorni gli Stati Uniti ricorderanno la mattina dell'attacco di 20 anni fa, non sarà solo uno sguardo al passato. Rappresenterà anche uno sguardo attorno con il sorgere di una domanda: cosa significa questo per noi ora?